Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fise e Sos Villaggi dei Bambini insieme per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

Video
3 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Maggio 2022, 14:52

La Federazione Italiana Sport Equestri (FISE) e SOS Villaggi dei Bambini uniscono le forze per assicurare a tutti i bambini e le bambine il pieno sviluppo delle loro potenzialità, attraverso una crescita sana all’insegna dell’inclusione sociale e dello sport. Il protocollo d’intesa è stato firmato questa mattina alla presenza di Marco Di Paola, Presidente della FISE e Roberta Cappella, Direttore di SOS Villaggi dei Bambini. A fare gli onori di casa in nome e per conto del Presidente del Roma Polo Club Stefano Giansanti, anche capitano della Nazionale Azzurra di Polo, impegnato in quei giorni in Francia per le fasi eliminatorie del Mondiale di Polo, sarà il vice-Presidente Maurizio D’Amico.

Rieti, cavalli da sempre amati ma sottopeso. L'appello: «Serve un aiuto per la carenza dei mangimi e i rincari»

La nuova collaborazione permetterà alla FISE di avvalersi dell’esperienza di SOS Villaggi dei Bambini nell’ambito dell’infanzia e di mettere l’impegno sportivo al servizio della causa dei bambini e dei ragazzi che hanno perso le cure familiari o sono a rischio di perderle. Al tempo stesso SOS Villaggi dei Bambini, in qualità di social partner della FISE, potrà veicolare il proprio messaggio di impegno a favore dei bambini e dei ragazzi, sensibilizzando il pubblico nel corso degli eventi sportivi e dei momenti patrocinati dalla Federazione.

Lo sport e il suo essenziale ruolo di lotta alle dinamiche di esclusione è la vera forza motrice della partnership, che si propone di raggiungere un pubblico più vasto possibile. Andare a cavallo porta con sé una quantità di sensazioni benefiche: produce senso di indipendenza, stimola l’attenzione e la volontà, rafforza il senso di sé, induce sentimenti di rispetto e di collaborazione con il cavallo stesso. Per questo gli sport equestri sono importanti per la crescita dei bambini e dei ragazzi, specie per coloro che per motivi diversi si trovano a vivere lontano dalla famiglia di origine, seppure temporaneamente. Tra le diverse azioni, il protocollo d’intesa prevede l’organizzazione di iniziative congiunte online e offline a livello locale e nazionale, nonché attività di visibilità, sensibilizzazione e coinvolgimento di ragazzi e adulti in iniziative di sport e solidarietà. Tra queste azioni concrete ricordiamo la Giornata Europea contro le Molestie della quale le due realtà si sono fatte promotrici.

“La partnership che oggi la Federazione Italiana Sport Equestri stipula con SOS Villaggi dei Bambini – ha detto Marco Di Paola, Presidente della FISE – racchiude in sé i più grandi valori che lo sport è in grado di veicolare. Il mondo dello sport ha, infatti, una grande responsabilità nei confronti della società. Riuscire a garantire, attraverso gli sport equestri, integrazione e inclusione sociale di giovani che non possono beneficiare di adeguate cure genitoriali è l’obiettivo che la nostra Federazione si propone di perseguire insieme a SOS Villaggi dei Bambini. Le attività degli sport equestri, poi, possono contare su un grande alleato: il cavallo che oltre a svolgere il ruolo di compagno di sport, anche in questo caso, riesce a interpretare alla perfezione quello di grande terapeuta al fianco dei giovani”

© RIPRODUZIONE RISERVATA