MILANO

Cane muore folgorato da luminaria di Natale caduta su una pozzanghera, padrone disperato: «Poteva capitare a un bambino»

Giovedì 31 Dicembre 2020
Cani folgorati: ancora un caso al Nord. L'animale ha poggiato la zampa in una pozzanghera

Sale a 6 il numero dei cani folgorati nel giro di pochi giorni. L'ultimo è stato a Villavesco, in provincia di Lodi: sono ancora in corso - al momento - le indagini per scoprire le cause dell'accaduto. Nel frattempo, però, la via dove si è verificato il fatto è stata chiusa: probabilmente l'animale è stato attraversato dalla corrente elettrica dopo aver messo una zampa su un tombino. Probabilmente, la causa di tanti episodi di questo tipo - nel giro di così poco tempo - è da ricercare nelle abbondanti nevicate che si stanno verificando al Nord. In particolare, la strada bagnata, con aggiunta del sale che viene sparso sulle strade per prevenire la formazione del ghiaccio, può aver aumentato la conduttività dell'acqua.

Il precedente

Già ieri si era verificato un episodio simile, a Milano. In particolare, un cane si era improvvisamente afflosciato a terra, folgorato. A niente sono serviti i tentativi di rianimazione: anche il padrone di Kaos, questo il nome dell'animale, ha accusato un malore che ha richiesto un breve ricovero in ospedale per lui. Due giorni fa si è verificato, ancora, un episodio praticamente uguale: Claudio Felice Longoni, infatti, ha visto morire il suo cane a causa di una luminaria che - cadendo - ha portato corrente a una pozzanghera. La stessa dove - sfortunatamente - il suo cane ha poi poggiato una zampa. «E’ morto il mio cane. E’ morto davanti alla posta di Bareggio. Stavo passando di lì con mia figlia: ha messo le zampe in una pozzanghera dove nella notte era caduta una luminaria. Ma nessuno ha pensato di togliere la corrente. Poteva passare di lì un bambino. Ma stiamo scherzando?», queste le parole dell'imprenditore che si è sfogato in lacrime su Facebook.

Ultimo aggiornamento: 20:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA