Montesilvano, raid contro i clienti delle prostitute: multe per 2.770 euro

Giovedì 21 Marzo 2019 di Piergiorgio Orsini
1
Sei i clienti delle prostitute, multati a pochi giorni dall'istituzione del Nap, il nucleo antiprostituzione, affidato a 4 vigili urbani di Montesilvano (Pescara). Coordinati dal tenente gli agenti hanno comminato multe per 2.770 euro a due cinquantenni di Atri e Giulianova, ad un lancianese di 40 anni, ad un uomo di origine barese ed ancora un trentasettenne di Vacri e un ventenne della provincia di Avellino; ognuno di loro ha pagato 450 euro per effetto del servizio di anti prostituzione voluto dal sindaco Francesco Maragno. «Il nostro progetto - spiega il primo cittadino - è finalizzato a contrastare questo triste fenomeno, che si verifica principalmente sul lungomare (sotto la pineta). I clienti provengono tutti da zone fuori città e noi saremo inflessibili con loro, affidandoci ai messaggi mediatici, diffusi in tutta la Regione. Abbiamo anche fatto ricorso a manifesti dal contenuto pesante ("non mandare a puttane la tua salute, la tua dignità, la tua vita"), un'iniziativa che ha alimentato polemiche per il linguaggio crudo utilizzato. Sempre per contrastare questo malanno sociale abbiamo istituito anche un numero telefonico (085.44.81.650) per segnalazioni di sfruttamento della prostituzione. Provvidenziale infine la convenzione con la Comunità Papa Giovanni XXIII, che ha salvato 11 ragazze dal giro del racket».

Insomma la giunta Maragno sta operando in modo concreto, fino a chiedere la collaborazione dell'Anaci (i condomìni), perché non affitti gli appartamenti alle prostitute. A fine anni '90 il sindaco Gallerati fece illuminare la pineta, istituì il terzo turno di notte dei vigili e permise di fotografare le targhe delle auto dei "clienti", che contrattavano le prestazioni con le lucciole. A quell'epoca l'amministrazione disponeva di 40 vigili, più 10 stagionali. Oggi la polizia locale è ridotta a sole 26 unità e questo fa la differenza; per fortuna saranno installate altre 20 telecamere per controllare i punti strategici. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani