Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maltempo, bomba d'acqua in Abruzzo. A Pescara continua l'afa

Maltempo, bomba d'acqua in Abruzzo. A Pescara continua l'afa
di Patrizia Pennella
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Luglio 2022, 08:12

Una bomba d'acqua di particolare intensità si è concentrata nel tardo pomeriggio di ieri, poco dopo le 18, nella zona di Popoli, provocando qualche disagio ma fortunatamente senza gravi danni. La pioggia, lungamente attesa è arrivata con grande forza cogliendo le persone di sorpresa: in molti hanno trovato riparo con gran fretta nelle abitazioni o nei negozi. Strade, parchi e giardini si sono allagati in un attimo e, in diversi casi l'acqua è entrata anche nelle abitazioni e negli scantinati. Per questo è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco che hanno dovuto provvedere a liberare dall'acqua sei locali della cittadina.

«Ci si è allagata casa - racconta un residente della zona Peep - come succede da quarant'anni, purtroppo. Quello di oggi è stato un vero e proprio nubifragio, ma comunque basta una semplice pioggia perché questa zona si allaghi. È assolutamente indispensabile porre rimedio a questa situazione. I giardini e i viali, dopo l'acquazzone, erano completamente allagati. In molti abbiamo le pompe in casa e si sono subito attivate, ma in diversi casi sono dovuti intervenire i vigili del fuoco». Sono dunque necessari interventi strutturali. La pioggia è arrivata anche sulla costa: poche gocce, ma molto attese, che sono appena riuscite a mitigare un po' il calore estremo che sta caratterizzando queste ultime giornate.


Ieri con Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti, Roma e Viterbo, Pescara era una delle undici città da bollino rosso per il caldo. Oggi, almeno nelle prime ore della giornata la situazione non dovrebbe cambiare: a bruciare resteranno nove città e Pescara, secondo le previsioni, dovrebbe restare una di quelle. Un'infiltrazione di aria più fresca e qualche pioggia, prevista nel pomeriggio sulla dorsale appenninica, ma con possibile estensione anche lungo le coste, dovrebbero contribuire ad un abbassamento della temperatura che dovrebbe tornare più o meno in linea con i livelli stagionali. Ma già da giovedì, secondo gli esperti, l'anticiclone africano potrebbe riappropriarsi del territorio e riportare il caldo anche nel Pescarese, sia nelle aree interne che su quelle costiere, dove sabato potrebbero essere di nuovo superati i trenta gradi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA