Zingaretti e le Sardine: «Il Pd non vuole annetterle ma dar loro risposte»

«Niente "cappelli" sul movimento delle Sardine». Nicola Zingaretti mette i puntini sulle "i" all'indomani dell'intervento con cui il leader Mattia Santori ieri ha definito «prematuro» ragionare di collaborazioni, o addirittura "fusioni" delle sue Sardine con il Partito democratico. 

LEGGI ANCHE Il Pd in ritiro strizza l'occhio alla Carfagna: «Ma che c'entra lei con Salvini e Meloni?»

«Non voglio né annettere né includere nessuno - spiega oggi Zingaretti al conclave Pd del Reatino - i partiti hanno il dovere etico e morale di dare risposte ai movimenti, ma non di metterci il cappello e tirarli per la giacchetta. Mi fa piacere perché dalle parole che sento c'è su questo un atteggiamento di grande correttezza». 

«Sono molto contento che andiamo incontro a una domanda diffusa nel Paese di unità e concretezza - prosegue poi - Il Pd non è un partito diviso o lacerato dalle polemiche, è una forza pluralista, ma unita e unitaria. Un partito più comunità, dopo che per anni siamo stati lacerati da lotte interne». «Questo è un grande elemento positivo, ma non siamo pigri. Sappiamo che dobbiamo lottare contro le diseguaglianze con la Green Economy riaccendere i motori dell'economia e fare delle scelte nette con la nuova agenda di governo: sulla scuola la formazione, il sostegno alle imprese, la creazione del lavoro - ha aggiunto -. Il presidente Conte vuole aprire una fase di discussione, bisogna contribuire per dare all'Italia uno scatto per ricostruire. È finito il tempo della distruzione, inizia il tempo della ricostruzione, delle idee, si sostituisce all'odio la passione del futuro».

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Di Maio, oggi il passo indietro: si dimette da capo politico M5S
Conte e l'effetto slavina, nessuno vuole andare a casa. Ma lui assicura: «Non tornerò a fare il prof»
Discarica a Monte Carnevale, Raggi ostaggio dei grillini: «Basta ricatti, sono stanca»
Gregoretti, Salvini: «Sfido Conte in tribunale». Ma stavolta è tentato di far votare no al processo
Virus Cina, primo contagio negli Usa Anche a Roma controlli rafforzati