Sblocca-Italia, vertice Renzi-Padoan: subito il taglio delle municipalizzate

Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan
di Alberto Gentili
Un’ora con Pier Carlo Padoan, due lunghi colloqui con Luca Lotti e Graziano Delrio. E un tourbillon di telefonate con ministri e sottosegretari.



Nel giorno del rientro, dopo aver twittato «ciao vacanze», Matteo Renzi ha rimesso il turbo. «Mi è sembrato più determinato e deciso del solito. Direi, sovraccarico», racconta chi l’ha incontrato. Del resto venerdì c’è il primo Consiglio dei ministri dopo la pausa estiva, quello che darà il via al “piano dei mille giorni”, con l’approvazione del decreto “Sblocca-Italia” e le riforme della giustizia e della scuola.



E il giorno dopo, sabato, Renzi ha in programma a Parigi il vertice con il presidente francese Francois Hollande e poi, a Bruxelles, il Consiglio europeo straordinario. Quello chiamato a decidere la squadra della nuova Commissione. «Sono arcisicuro che la Federica ce la farà», ha confidato il premier. Dove «la Federica» è il ministro degli Esteri Federica Mogherini. E l’impresa in cui è lanciata è l’assalto al ruolo di Alto commissario per la politica estera dell’Unione. La numero due, nella scala gerarchica delle poltrone europee.



CONTINUA A LEGGERE SUL MESSAGGERO IN EDICOLA O SUL MESSAGGERO DIGITAL
Lunedì 25 Agosto 2014 - Ultimo aggiornamento: 23:50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2014-08-27 18:51:00
taglio delle municipalizzate eh no, non si devono tagliare........basta non anticipargli soldi pubblici!!! vedi poi come ad esempio sul bus rimettono il bigliettaio,,,,ect ect ect
2014-08-26 11:08:00
va bene magari tagliasse. In effetti si migliorerebbero tutti i servizi dai trasporti alla gestione dei rami collegati al comune, ma non con i soldi pubblici bensì privati...vediamo poi se i Comuni vanno in rosso come di consuetudine.
2014-08-26 09:29:00
Era ora ! Era ora ! Era ora ! Municipalizzate e partecipate, uno scandalo tutto italiano !!! Da decenni, ufficialmente, sono state bloccate le assunzioni pubbliche, a mezzo dei concorsi, come stabilisce la legge, ma chiuso il portone hanno aperto tutte le finestre ed hanno così conseguito due obiettivi. Primo, assunzioni clientelari a più non posso nelle varie partecipate delle amministrazioni puybbliche, senza concorso, perchè trattasi di SpA. Secondo, potendo far assumere chi volevano, lo facevano in piena tranquillità, evitando il rischio dei concorsi che, se truccati, potevano portare ad indagini della magistratura con conseguenze anche pesanti. Via Renzi, taglia !!!!
QUICKMAP