Macerata, ippopotamo muore contro un'auto
il circo: è stato liberato da un gruppo di animalisti

di Rosalba Emiliozzi
MACERATA - Un ippopotamo del circo scappa e viene travolto da un'auto: l'animale nello schianto è morto, due ragazzi sono rimasti feriti. E' successo ieri sera alle 22,30 a Macerata dove è accampato da qualche giorno il circo Orfei.



Al centro fiere di Villa Potenza, alla periferia di Macerata, nelle Marche, stando alle dichiarazioni dei responsabile del circo, Daviso Montemagno, ha fatto irruzione un gruppo di animalisti che avrebbe aperto le gabbie di diversi animali, convinti che non debbano essere rinchiusi e soffrire dietro le sbarre o utilizzati negli spettacoli. «Le recinzioni sono state divelte e sono scappati cavalli, zebre, struzzi e l'ippopotamo Aisha» dice Montemagno che ha presentato denuncia in questura. «Sono anni che viviamo nel terrore - aggiunge - non è la prima volta che succede, un episodio analogo è accaduto a Cesena, mentre a Nuoro ci sono addirittura saltati addosso un gruppo di ragazzi con il chiaro intento di picchiarci. A Macerata non erano mai successe cose del genere».





Ieri sera l'ippopotamo, a gran velocità, è corso verso la strada principale e ha superato la prima arteria, poi si è diretto verso la strada per Montecassiano, è stato travolto da un'auto in transito - una Polo - che se l'è trovato di fronte: lo schianto è stato violentissimo. Uno spavento terribile per i passeggeri - due amici di 25 anni - catapultati improvvisamente nella savana. Poteva succedere il peggio. L'animale - Aisha, una femmina di 8 anni, peso 15 quintali - colpito alla testa, è morto sul colpo. Il conducente e il passeggero dell'auto sono rimasti feriti, in maniera non grave. L'auto è distrutta.



Sul posto passava, diretta a un altro intervento, una squadra dei vigli del fuoco di Macerata che si è immediamente fermata e si è trovata di fronte alla scena dell'incidente con diverse persone del circo che correvano dietro agli animali liberati nel tentativo di ricondurli nelle gabbie. Sono stati momenti drammatici accanto al corpo massiccio, senza vita, dell'ippopotamo, i due ragazzi feriti, sotto choc, uno sanguinante, e la rabbia e il dolore dei circensi che erano molto affezionati ad Aisha.



Sul posto i sanitari del 118, i carabinieri, la polizia stradale di Porto Recanati, che ha rilevato l'incidente, e i vigili del fuoco di Macerata. Le indagini sull'attacco animalista sono affidate alla Polizia della Questura di Macerata. Gli altri animali liberati sono stati tutti recuperati. Sui camion del circo sono comparse le scritte «Animali liberi» e «Aguzzini».



Il fatto è accaduto mentre era in corso lo spettacolo con le tigri, che è stato fermato. Il personale del circo è corso fuori nel tentaivo di ricondurre nelle gabbie gli animali liberati. Sono stati tutti localizzati tranne l'ippopotamo che, spaventato, è corso verso la morte. La Forestale, sul posto, ha riferito che il circo ha i documenti in regola per tenere e utilizzare gli animali negli spettacoli.
Domenica 28 Dicembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 30-12-2014 10:40

© RIPRODUZIONE RISERVATA
QUICKMAP