I frigoriferi del futuro saranno magnetici: ecco come funzioneranno

I frigoriferi del futuro saranno magnetici: ecco come funzioneranno
2 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Settembre 2016, 22:21 - Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 10:05
Magnetico, amico dell'ambiente e più compatto: così potrà essere il frigorifero del prossimo futuro, grazie alla nuova tecnologia basata sulla refrigerazione magnetica, dove al posto dei gas refrigeranti, si usano solidi dalle proprietà magnetiche. Una svolta non lontana, di cui sono già stati realizzati alcuni prototipi, che saranno esposti alla VII Conferenza internazionale sulla refrigerazione magnetica a temperatura ambiente, organizzata dall'Inrim (Istituto nazionale di ricerca metrologica) a Torino dal 12 al 14 settembre. Nota dagli anni '30 del secolo scorso, la refrigerazione magnetica è rimasta a lungo confinata nell'ambito dei laboratori di fisica. «La svolta è arrivata una ventina d'anni fa con la scoperta di un materiale nuovo, che ha rilanciato la possibilità di usare la refrigerazione magnetica», spiega Vittorio Basso, ricercatore dell'Inrim.

Questi sistemi sfruttano le proprietà di materiali magnetocalorici, cioè capaci di aumentare o diminuire la loro temperatura per effetto dell'applicazione e rimozione di un campo magnetico. Esposto al campo magnetico il materiale si magnetizza, sottratto all'influsso del campo magnetico assorbe calore per tornare allo stato smagnetizzato, raffreddando l'ambiente circostante. Il vantaggio di questa tecnologia, basata su solidi invece che sui fluidi, è di una maggiore salvaguardia dell'ambiente, perchè evita la dispersione dei fluidi refrigeranti e utilizza materiali che possono essere riciclati. Inoltre, rispetto ai frigoriferi tradizionali, «i prototipi già realizzati sono più efficienti dal punto di vista energetico, più silenziosi e possono avere dimensioni anche ridotte», aggiunge Elena Olivetti dell'Inrim. Ma la refrigerazione magnetica può trovare altre applicazioni. Gli sviluppi delle nanotecnologie potrebbero permettere la miniaturizzazione dei dispositivi, aprendo nuove frontiere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA