Rally, Cairoli sfida Rossi: «Io e te siamo eterni». 17 Mondiali in due, da domani in pista a Monza

Tony Cairoli
di Redazione Sport
2 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Dicembre 2016, 19:02

Insaziabili, vincenti ed «eterni». Tony Cairoli, otto volte iridato nel motocross, e Valentino Rossi, nove titoli mondiali in bacheca, saranno da domani i protagonisti del Rally di Monza 2016. «Sì, io e Valentino siamo eterni - dice Tony Cairoli -. È un piacere poter rimanere per sempre nella mente dei nostri fan per quanto abbiamo fatto e facciamo in pista. Sia io che lui però abbiamo qualcosa altro da dare, entrambi il prossimo anno puntiamo a tornare a vincere il Mondiale». È la sfida tra i due piloti più vincenti della storia recenti delle due ruote che per un fine settimana si daranno alle auto.

Lo scorso anno Cairoli un po' a sorpresa trionfò nel Master Show conclusivo e quest'anno sogna di bissare l'exploit: al volante della sua Citroen DS3 WRC del Team Magneti Marelli Checkstar «darà il massimo per esser il migliore, divertirsi senza animosità e fare spettacolo per i tifosi». «La cosa più complicata per me - confida Cairoli - è trovare la messa a punto dell'auto. Io non ne capisco niente e mi affido molto all'istinto. Quest'anno abbiamo una difficoltà in più visto che abbiamo cambiato il navigatore: ma il Rally di Monza per me è diventata una piacevole abitudine, è una sfida entusiasmante contro avversari di altissimo livello». Ma Cairoli non nasconde il desiderio di provare un giorno a cimentarsi anche in pianta stabile sulle quattro ruote: «Mi affascina molto il mondo del rally cross che mi attira un po' di più del rally tradizionale. È uno contro uno e non contro il cronometro, proprio come piace a me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA