Formula 1, Bottas su Mercedes è il più veloce nelle seconde libere

Venerdì 23 Novembre 2018
Veloce Max Verstappen prima di pranzo, velocissimo Valtteri Bottas nel tramonto di Abu Dhabi. Ma sono state le Red Bull a mostrarsi complessivamente più a proprio agio al termine delle prime libere della gara che conclude la stagione. Su una pista dove non vanno a podio dal 2014, hanno chiuso la classifica della FP1 in parata, con l'olandese davanti all'australiano. Nella FP2 il più veloce è stato Bottas su Mercedes, ma Verstappen gli è arrivato dietro per soli 44 millesimi, seguito ancora da Ricciardo (agli ultimi giri con la scuderia anglo-austriaca) a 192. Bottas - vincitore nel 2017 davanti ad Lewis Hamilton e Sebastian Vettel - in compenso ha ottenuto il miglior tempo assoluto, in 1'37«236, mentre al mattino Verstappen aveva fermato il cronometro sull'1'38»491.

A Yas Marina le Ferrari sono rimaste nelle retrovie, seppur migliorandosi nel corso della giornata: settima ed ottava nella FP1, quinta e sesta sotto i riflettori della FP2, mentre la temperatura scendeva, con Kimi Raikkonen sempre davanti a Vettel. Il tedesco non ha brillato, preceduto - oltre che dal compagno - da entrambe le Mercedes e le Red Bull. «Oggi non siamo stati abbastanza veloci - ha riconosciuto Vettel - Bisogna trovare un bel pò di passo per il sabato, ma credo che sul giro secco dovremmo essere in grado di migliorare abbastanza. Dobbiamo migliorare se vogliamo lottare per la pole. Le condizioni della pista ci erano più favorevoli in serata rispetto alle Libere 1». Opinione condivisa da Raikkonen: «più complicata la prima sessione, meglio nella seconda. Siamo un pò indietro nei tempi, vediamo come andrà domani». L'aspetto positivo è la crescita delle Rosse nelle condizioni che troveranno durante le qualifiche e la gara di domenica. Dal mattino al pomeriggio ha replicato la quarta posizione Hamilton, incassando però oltre un secondo dal migliore nella FP1, ridotti a 207 millesimi nella FP2


  Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Whatsapp parla chiaro: studenti on line in classe

di Raffaella Troili