Cerveteri, la vittoria a Tolfa esalta
Fracassa: «Segnale forte a tutti»

Martedì 14 Gennaio 2020 di Federico Feliciello
Daniele Fracassa, tecnico del Cerveteri
Il Città di Cerveteri è sempre più lanciato verso il vertice. La compagine di Daniele Fracassa si è imposta in un rocambolesco 4-3 contro il Tolfa al termine di un match condito da sorpassi e controsorpassi fino al 90’, quando la rete di Vignaroli ha portato in estasi i verdeazzurri. Per il Cerveteri si tratta della quarta vittoria consecutiva che gli ha consentito di blindare il primo posto. Il tecnico Fracassa ha esaltato il carattere dei suoi in questo importante scontro diretto: «È stato un successo fondamentale, perché a Tolfa è sempre difficile giocare e la posta in palio era molto alto considerato il fatto che loro si trovavano al terzo posto. Siamo stati bravi a reagire dopo lo svantaggio iniziale, ma una volta andati sul 3-1 abbiamo calato la concentrazione e ci siamo abbassati molto consentendo ai nostri avversari di raggiungerci. Dopo il 3-3 poteva accadere di tutto, ma la nostra voglia di vincere ha fatto la differenza».

I tre punti di Tolfa rappresentano un messaggio chiaro per mister Fracassa: «Abbiamo dato un segnale forte al campionato, questo successo si lancia prepotentemente al vertice della classifica. Lo snodo cruciale erano rappresentate dalle due trasferte consecutive di Ronciglione e poi Tolfa, abbiamo superato questo scoglio andando anche oltre le aspettative, e adesso possiamo sognare in grande».

Con un girone di ritorno ancora da giocare, gli occhi saranno ancora maggiormente puntati sul Cerveteri che dovrà difendere il primo posto dagli assalti del Fiumicino, che sembra ormai essere diventato l’unico avversario per Fracassa e i suoi: «La classifica parla chiaro. Abbiamo acquisito un buon margine rispetto alle nostre concorrenti, anche se il Fiumicino è solamente dietro di due punti – commenta il tecnico - Il girone di ritorno però sarà molto complicato, in questa fase inizia sempre un altro campionato a parte. Noi dobbiamo continuare a rimanere concentrati, però vediamo con molto ottimismo il nostro obiettivo. Ci sono dei segnali che mi fanno ben sperare: Ho a disposizione una squadra con tanti giocatori esperti, sono fortunato ad avere tutti i ragazzi sempre a disposizione. Significa che abbiamo pochi infortuni e stiamo lavorando molto bene durante gli allenamenti. Subiamo pochi gol e prendiamo poche squalifiche. Tutto sta andando per il verso giusto e mi auguro che a maggio l’esito finale premi il nostro lavoro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma