Federico Moccia applaude i film bulgari alla Casa del cinema di Roma

Venerdì 29 Giugno 2018 di Luisa Mosello
Federico Moccia ospite al Festival del
Cinem Bulgaro

Italia e Bulgaria fianco a fianco in nome del ciak d'autore alla Casa del Cinema. Alla serata inaugurale del "Festival del cinema bulgaro", all'interno della rassegna Caleidoscopio dell'Estate Romana, a brindare alla creatività senza confini non c'erano solo i rappresentanti del Paese protagonista  ma anche tanti nomi italianissimi della settima arte tricolore. Fra gli altri ecco arrivare puntualissimo Federico Moccia in giacca e jeans e con un cappellino molto simile a quello portato da Stefano Amatucci, noto soprattutto per essere il regista di "Un posto al sole" ma ultimamente anche per la sua opera prima, il film "Caina".

C'era anche Pino Ammendola che ha appena finito di girare, in veste di regista ed attore, "Anima" ( con Rosario Montesanti) in uscita in autunno. Tutti e tre sono stati intervistati come grandi star dalle tre televisioni locali e da Georghi Toshev, giornalista di fama  internazionale celebre per aver firmato documentari sui più importanti protagonisti del mondo dello spettacolo.

La rassegna cinematografica, che proporrà per quattro giorni il meglio della produzione cinematografica balcanica, è stata aperta dall'Ambasciatore bulgaro in Italia Marin Raykok che ha sottolineato quanto la cultura sia "un’occasione straordinaria per il dialogo fra i popoli”.  Quindi il via alle proiezioni da parte del vice Ministro alla Cultura Rumen Dimitrov, della direttrice dell’Istituto Bulgaro di Cultura Yana Yakovleva e alla coordinatrice Borislava Chakrinova. 

Ultimo aggiornamento: 14:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani