Scuola, il ministro Bianchi: «Con le riaperture non ci sono stati i famosi disastri, certificati per il rientro più facili»

Tra le ipotesi, la certificazione di fine malattia rilasciata dai pediatri

Scuola, il ministro Bianchi: «Con le riaperture non ci sono stati i famosi disastri, certificati per il rientro più facili»
3 Minuti di Lettura
Domenica 16 Gennaio 2022, 10:43 - Ultimo aggiornamento: 13:27

Scuola, ecco la situazione. «Il famoso disastro che ci doveva essere con la riapertura della scuola» dopo la pausa di Natale «non c'è stato», ci sono stati «disagi differenziati zona per zona, ma la scuola ha riaperto e si è affermata la convinzione che la scuola è un elemento fondante, la scuola è la priorità, è un diritto». Lo ha detto il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi intervistato a Radio24 da Maria Latella. I presidi hanno lavorato bene, ha poi aggiunto Bianchi tracciando un bilancio della prima settimana di riapertura delle scuole.

La quarantena infinita delle famiglie: se ci si ammala a turno (e non ci si può isolare) quanto devo stare a casa?

Omicron, il picco contagi è alle spalle? «Dopo questa ondata, estate più tranquilla»

È in corso intanto una «riflessione» per semplificare la certificazione del rientro a scuola degli alunni che sono stati contagiati dal Covid e hanno superato la malattia. «Semplificheremo», ha aggiunto Bianchi aggiungendo che «al di là della formula con cui si rientra, è importante che il rientro ci sia stato e che si è affermato il principio che la scuola è in presenza, ed è un diritto». Tra le ipotesi, la certificazione di fine malattia rilasciata dai pediatri, come già avviene per le altre malattie.

Scuola, caccia ai certificati fasulli per tenere i bimbi in Dad: pressing sui medici di base del Lazio

 

DAD - «Quello che è stato evidente in questa settimana che nella stragrande parte del Paese non solo si è tornati a scuola, ma si è ritrovato il valore della scuola in presenza. Io non faccio guerre di religione contro la Dad: questa funziona se è parte integrante di un progetto didattico, non se è l'alternativa o il surrogato della scuola», ha spiegato poi il ministro. «Abbiamo ripristinato questo principio della scuola in presenza, come comunità, come diritto e dall'altra parte abbiamo verificato - ha aggiunto Bianchi - la possibilità anche di utilizzare strumenti a distanza come parte integrante e integrativa di un progetto didattico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA