Varicella e Fuoco di Sant’Antonio, via libera in Usa al test molecolare per la diagnosi del virus

Varicella e Fuoco di Sant Antonio, via libera in Usa al test molecolare per la diagnosi del virus
2 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Dicembre 2019, 17:38

DiaSorin ha ricevuto la certificazione dell’americana Food and Drug Administration (Fda) per commercializzare negli Usa il test molecolare ‘Simplexa Vzv Direct’ per la diagnosi del virus Varicella-zoster (Vzv). L’esame, disponibile sull’analizzatore Liaidon Mdx e utilizzato in combinazione con il kit Simplexa Vzv Direct sui campioni di fluido cerebrospinale - informa l’azienda italiana - permette di rilevare con rapidità e precisione il Dna di Vzv dai tamponi cutanei e mucocutanei. In settembre il test aveva già ricevuto la certificazione per la vendita sul mercato europeo.

Roma, bimba di 11 anni a rischio infezione: classe e maestri si vaccinano contro il morbillo

Gran Bretagna, l'assistente vocale Alexa darà consigli medici certificati

 

 



«Il lancio di questo ulteriore test sul nostro disco di diagnostica molecolare - commenta il ceo di DiaSorin, Carlo Rosa - ci consente di offrire una soluzione completa per identificare i virus della Varicella-zoster e dell’Herpes simplex sia sul fluido cerebrospinale che sui tamponi cutanei e mucocutanei, consentendo ai laboratori diagnostici di eseguire contemporaneamente entrambi i test attraverso l’utilizzo di un unico disco. Tutto questo a dimostrazione del nostro continuo impegno nel fornire soluzioni innovative in grado di ottimizzare il processo diagnostico e migliorare la gestione del paziente».

L’infezione da virus Varicella-zoster - ricorda DiaSorin in una nota - provoca due forme clinicamente distinte di malattia, a seconda che si manifesti un’infezione primaria (varicella) o secondaria (Fuoco di Sant’Antonio). Nonostante la copertura vaccinale sia presente dagli anni ‘90, si stima che il 90% della popolazione contrarrà il virus della varicella entro il quindicesimo anno d’età. L’infezione può interessare diverse aree del corpo tra cui la pelle, i genitali, le cavità nasali e gli occhi, e può determinare disabilità o menomazioni, anche a distanza, a seconda della zona interessata e del trattamento effettuato. La sintomatologia clinica causata da Vzv può inoltre essere confusa con le manifestazioni cutanee provocate dal virus Herpes simplex, rendendo pertanto importante diagnosticarne l’insorgenza per poter procedere a un corretto trattamento del paziente

© RIPRODUZIONE RISERVATA