Uomini ossessionati dalle dimensioni del pene: Milano "capitale" degli interventi

Giovedì 17 Aprile 2014
1
Milano è diventata la capitale della penoplastica. Una media di 20-30 interventi al mese e un record annuale vicino alle 300 operazioni, con un trend in crescita del 20-25% da un anno all'altro. Sotto il bisturi il sesso degli uomini, che con la penoplastica inseguono il mito delle dimensioni perfette per stupire la partner e soprattutto gli amici.

Al Centro di medicina sessuale di Milano l'ossessione maschile per la ''taglia'' non è un aneddoto da bar, ma una realtà quotidiana. «C'è chi ha un problema anatomico reale, però c'è anche chi ha un blocco psicologico e pensa di trasformarsi in latin lover guadagnando centimetri in lunghezza o diametro». E addirittura «c'è chi arriva con richieste ben precise: «Lo vorrei come quell'attore». Alessandro Littara, fondatore e responsabile della struttura milanese, descrive una moda senza più frontiere. «Il boom di richieste ha contagiato i Paesi emergenti. L'economia cresce, i costumi cambiano» e ciò che prima sembrava superfluo diventa indispensabile.

Una chirurgia, quella dei ''ritocchi intimi'', in cui l'Italia fa scuola nel mondo e Milano è capitale. Lo sarà per i prossimi due giorni, ospitando un ''Master Course in Penoplasty'' «primo nel suo genere», in programma domani e sabato, 18 e 19 aprile, al centro diretto da Littara in viale Vittorio Veneto. Una delle strutture nazionali pioniere del ''sex design'' maschile (falloplastica) e femminile (labioplastica e ringiovanimento vaginale). «In sala operatoria - annuncia l'esperto che sarà protagonista di una vera e propria ''maratona chirurgica", con 10 interventi dimostrativi - addestrerò medici in arrivo da Paesi non solo lontani geograficamente, ma molto diversi anche per cultura sessuale». Ci saranno alunni «da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein; dal Messico e dalla Repubblica Dominicana; da India, Cina, Taiwan e Singapore». Dalla città-stato, in particolare, per apprendere i segreti della falloplastica è in arrivo «una collega donna». Ultimo aggiornamento: 30 Aprile, 20:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA