Omicron, Agenas: «Scende l'occupazione delle terapie intensive al 16%, il calo in 11 regioni»

In miglioramento nelle intensive, tra gli altri, Abuzzo e Veneto

Omicron, Agenas: «Scende l'occupazione delle terapie intensive al 16%, il calo in 11 regioni»
2 Minuti di Lettura
Domenica 30 Gennaio 2022, 12:27 - Ultimo aggiornamento: 13:16

Nuovi dati sul virus, ecco cosa succede. Scende l'occupazione delle terapie intensive dei malati Covid in 11 Regioni e il valore meglio nazionale passa al 16% con la riduzione di un punto percentuale. Stabili invece i reparti non critici fermi al 30% secondo i dati Agenas aggiornati a ieri.

Omicron, la pandemia dei bambini con contagi 4 volte superiori: boom di piccoli ricoverati

Omicron 2, scienziati in allerta: «Più contagiosa e veloce, può superare la variante sudafricana»

Omicron e le sue origini: 3 ipotesi degli scienziati sulla nascita della variante dalle «mutazioni insolite»

In miglioramento nelle intensive c'è Abuzzo (-2% ora al 20% di occupazione), Basilicata (-2% ora al 6%), Campania (-1% ora 11%), Emilia Romagna (-1 16%), Liguria (-1%, 17%), Bolzano (-1% 11%), Trento (-1% 27%), Piemonte (-2% 19%), Puglia (-1% ora 12%). Toscana -1%, ora 19% e Veneto -1% ora 16%). Salgono Calabria (+1 16%),Fvg (+2% 24%), Marche (+2, 24%) VdA (+3% 21%) e Umbria (+2% 9%) (ANSA).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA