Omicron 2, scienziati in allerta: «Più contagiosa e veloce, può superare la variante sudafricana»

L'università di San Francisco assicura: "I vaccini funzionano anche con questa variante"

Omicron 2, gli scienziati in allerta: «Più contagiosa e veloce, può superare la prima variante Omicron»
di Michele Galvani
5 Minuti di Lettura
Sabato 29 Gennaio 2022, 11:03 - Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio, 06:22

Mentre l'ondata di Omicron inizia a diminuire in diversi Paesi e la pandemia sembra premere sul freno, gli scienziati hanno messo gli occhi su un'altra variante del primo coronavirus che si sta diffondendo rapidamente in alcune parti dell'Asia e dell'Europa (anche in Italia). Si chiama ufficialmente "micron BA.2" e questa settimana i virologi hanno rilevato casi in diversi Paesi anche degli Stati Uniti, tra cui la California, il Texas e Washington.

Omicron 2, scienziati in allerta

 

Sebbene BA.2 sia attualmente abbastanza rara negli Stati Uniti, gli scienziati prevedono che si diffonderà nel paese nel prossimo mese di febbraio. Ci sono prove crescenti che sia contagiosa quanto (o forse un po' più contagiosa) della prima variante Omicron, chiamata "micron BA.1". «Potrebbe essere che BA.2 abbia qualche piccolo vantaggio - spiega Emma Hodcroft, un'epidemiologa dell'Università di Berna che ha monitorato le varianti in tutto il mondo tramite il progetto Nextstrain - BA.2 potrebbe essere, tipo, dall'1% al 3% in più trasmissibile. Quindi la grande domanda ora è: questa piccola differenza sarà sufficiente per questa variante per allungare l'ondata in corso negli Stati Uniti, come è successo in Danimarca?

Omicron e le sue origini: tre ipotesi degli scienziati sulla nascita della variante dalle «mutazioni insolite»

«Puoi pensare a BA.2 come un fratello di BA.1», dice ancora la Hodcroft. «Condividono molte mutazioni – circa 30 – ma hanno anche un mucchio di mutazioni che sono uniche. Sono abbastanza simili, ma sono anche diversi. Così sono molto simili ai fratelli, secondo me. Diversi ma ovviamente imparentati».

 

A novembre, quando gli scienziati in Sud Africa e Botswana hanno scoperto l'Omicron, non ne hanno trovato solo una versione. Ne hanno trovate tre, chiamate BA.1, BA.2 e BA.3 dal Phylogenetic Assignment of Named Global Outbreak Lineages presso l'Università di Edimburgo. Il primo, BA.1, decolla rapidamente e si diffonde in tutto il mondo, Stati Uniti compresi. E inizialmente sembrava che BA.2 e BA.3 fossero più deboli e meno in grado di tenere il passo con BA.1. «Abbiamo pensato Ok, BA.2 non è così in forma come il suo fratello BA.1, e in qualche modo si esaurirà», racconta Hodcroft. Ma non è quello che è successo, anzi. 

Omicron 2, la sottovariante è in Italia: «Sequenziata in Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia e Toscana»

Nelle ultime settimane invece, Omicron BA.2 ha iniziato a sorprendere gli scienziati. E sta iniziando a sembrare che possa, in alcuni paesi, superare il suo fratello omicron BA.1 e, in realtà, qualsiasi altra variante. A dicembre, Omicron BA.1 ha causato un'impennata massiccia di casi in Danimarca, simile all'impennata negli Stati Uniti. Ma poi, proprio mentre i casi iniziavano a diminuire, BA.2 ha iniziato a diffondersi molto rapidamente nella stessa Danimarca. Dopo solo poche settimane, BA.2 ha preso il controllo dell'epidemia e ha allungato l'impennata della Danimarca. I casi in Danimarca stanno aumentando vertiginosamente, con oltre 40.000 positivi registrati ogni giorno. Dalla seconda settimana di gennaio, BA.2 ha causato oltre il 50% di questi contagi, secondo lo Statens Serum Institut di Copenaghen.

Omicron BA.2 sta crescendo esponenzialmente anche in Inghilterra e Germania, dove causa almeno il 5% dei casi in entrambi i paesi. Gli scienziati temono che potrebbe allungare le ondate in quelle località e forse anche negli Stati Uniti. Insieme, questi dati indicano che BA.2 non è il fratello più debole di BA.1, ma piuttosto che BA.2 è piuttosto forte e forse più contagioso.

Molti studi hanno dimostrato che le infezioni da omicron BA.1 comportano un rischio ridotto di malattie gravi rispetto alla variante Delta. Prove preliminari dalla Danimarca suggeriscono che questo sarà anche il caso di Omicron BA.2, sottolinea il dottor Peter Chin-Hong dell'Università della California a San Francisco. «Gli scienziati hanno scoperto che non c'era un rischio maggiore di andare in ospedale se si dispone di BA.2 rispetto a se si dispone di BA.1. Questo potrebbe cambiare, ma è quello che sappiamo finora».

Naturalmente, in questo scenario, c'è ottimismo sulle vaccinazioni. I dati preliminari del governo del Regno Unito mostrano che un terzo vaccino contro il Covid-19 protegge da un'infezione di BA.2 proprio come fa contro BA.1. In entrambi i casi, riduce il rischio di un'infezione sintomatica da circa il 60% al 70%. Inoltre, ci sono molte somiglianze tra le proteine ​​spike di BA.1 e BA.2, la parte del virus che molti anticorpi prendono di mira. Quindi Chin-Hong prevede che i vaccini probabilmente forniranno una protezione eccellente contro malattie gravi. «Non ho alcuna garanzia che non verrai infettato o eventualmente reinfettato [se hai già avuto il Covid, il che significa che potresti avere il raffreddore o sentirti come se avessi un altro raffreddore, ma sono molto, molto fiducioso che saresti protetto da gravi malattie nella popolazione generale». E Chin-Hong garantisce che questa distinzione è fondamentale per il futuro del virus. Andando avanti, dice, le comunità devono spostare la loro attenzione «dall'arresto di tutte le infezioni al mantenimento al sicuro di tutta la popolazione da malattie gravi e ricoveri in ospedale». Come fosse una nuova grande influenza.

Omicron, D'Amato: «Nel Lazio casi in discesa, a primavera via le mascherine all'aperto»

ITALIA - «Omicron 2 è gemella di Omicron, l'abbiamo sequenziata da più di un mese ma non ci sembrava il caso di creare allarmismi. Non deve spaventarci perché è uguale a Omicron», ha detto il direttore dell'Istituto Spallanzani Francesco Vaia. «Oggi siamo a buonissimo punto - ha aggiunto - Pensiamo sia arrivato il momento di mitigare le misure, lo strumento vaccino ci permette di dire che la partita è quasi finita. Ma dobbiamo vaccinare in tutto il mondo, a partire dall'Africa, ed aggiornare ai vaccini. Dobbiamo arrivare a una dose di richiamo annuale. La variante Omicron assume il carattere di un virus stagionale. È inutile pensare a una quarta o quinta dose, ma andiamo verso un richiamo annuale, a partire dai fragili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA