Allergia, arachidi bollite per curare i bambini? La scoperta (sorprendente) dei ricercatori australiani

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Clinical & Experimental Allergy .

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Clinical & Experimental Allergy
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Gennaio 2023, 13:52 - Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio, 09:03

Le arachidi bollite potrebbero fornire un mezzo per aiutare i bambini a superare le allergie alle arachidi, secondo i risultati di una sperimentazione clinica australiana durata un anno. In uno studio condotto su 70 bambini dai sei ai diciotto anni con allergie certificate alle arachidi, l'80% è riuscito a mangiare i legumi senza reazioni allergiche dopo aver ricevuto dosi giornaliere crescenti di arachidi bollite e tostate, un potenziale trattamento noto come immunoterapia orale. Tuttavia, coloro che hanno condotto lo studio hanno messo in guardia i genitori dal dare noccioline bollite ai loro bambini allergici alle arachidi.

Lo studio

Nella prima parte dello studio, per 12 settimane i bambini hanno ingerito dosi di arachidi che erano state bollite per 12 ore. Per le successive 20 settimane, i partecipanti hanno mangiato noccioline bollite per due ore; poi sono succedute altre 20 settimane di ingestione di arachidi tostate.


Le dosi iniziali nella sperimentazione clinica sono state supervisionate da medici per le reazioni avverse. Ai bambini sono stati inizialmente somministrati 62,5 mg di polvere di arachidi bollite tritate, l'equivalente di circa un sedicesimo di un'arachide bollita, e nel tempo ne hanno aumentato l'assunzione. Dei 70 bambini, 56 - o l'80% - sono stati infine in grado di ingerire la dose target di 12 arachidi tostate al giorno senza una reazione allergica.

«Ciò offre un alto livello di protezione contro l'esposizione accidentale, che nel nostro caso era davvero l'obiettivo: eliminare l'ansia e lo stress che derivano dalla preoccupazione per l'esposizione accidentale alle noccioline», ha affermato l'autore principale dello studio, Prof. associato Luke Grzeskowiak di Flinders University e il South Australian Health and Medical Research Institute.

Risultati permanenti? 

«È davvero importante che le persone non intraprendano l'immunoterapia senza un adeguato livello di supervisione. A questo punto, fa parte degli studi sperimentali» spiegano i ricercatoriì i quali non hanno testato la capacità dei partecipanti di tollerare le noccioline settimane o mesi dopo l'interruzione del trattamento.

Gli esperti sospettano da tempo che il consumo di arachidi bollite in alcune parti dell'Asia possa contribuire a ridurre i tassi di allergia infantile alle arachidi. Commentando la sperimentazione clinica, il dottor Aiken ha affermato che la ricerca è stata un primo passo nella giusta direzione: «I committenti della ricerca sono davvero chiari sulla necessità di ulteriori ricerche sull'utilizzo di arachidi bollite come trattamento per l'allergia alle arachidi. Vogliamo che questi trattamenti siano sicuri e convenienti»

Attesa per l'ok

La sperimentazione clinica non ha incluso un componente placebo per confrontare l'efficacia del consumo di arachidi bollite. Al momento, nessuna immunoterapia orale per le allergie alimentari è approvata dall'autorità di regolamentazione dei medicinali australiana, la Therapeutic Goods Administration. Nel Regno Unito e negli Stati Uniti è stato approvato l'uso di una polvere di allergene di arachidi chiamata Palforzia. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Clinical & Experimental Allergy .

© RIPRODUZIONE RISERVATA