Meningite, autista Atac al Gemelli. «È grave, situazione precipitata in poche ore»

Giovedì 24 Gennaio 2019 di Marco De Risi e Raffaella Troili
3
Meningite, autista Atac grave a Roma. «Situazione precipitata in poche ore»

Un autista dell’Atac di 32 anni è ricoverato al Gemelli dopo esser stato colto da meningite batterica di tipo B. «È arrivato in ospedale l’8 gennaio alle 2 del mattino, era molto grave - raccontavano ieri i genitori - ora è uscito dalla Terapia intensiva».

LEGGI ANCHE Meningite a Roma, grave autista Atac: profilassi solo a chi gli è stato vicino

Il conducente dei mezzi che fanno capo al deposito di Grottarossa e che come il 223, il 446, il 910 transitano a Roma nord tra via Cassia, piazzale Clodio, Gemelli e Montemario, resta ancora grave anche se non in pericolo di vita. Ha lavorato fino alla mattina del 31 dicembre poi è stato in ferie dal primo al 7 gennaio.

«Negli ultimi due giorni era un po’ debilitato, aveva avuto un po’ d’influenza, una febbricola, ma all’improvviso in serata la febbre è svettata a 39,8 - ricorda ancora la mamma - aveva spossatezza alle gambe, non riusciva ad alzarsi». La situazione in poche ore è precipitata, per fortuna la donna lo vegliava in ansia: «Nel cuore della notte quando ho visto che aveva gli occhi girati e i movimenti delle braccia scoordinati, ho chiamato subito l’ambulanza».
 

I FAMILIARI
«I medici intervenuti a casa ci hanno messo un po’ a capire che era meningite: aveva due piccole macchie sulle palpebre». L’autista che il 5 febbraio compirà 32 anni abita a Monterotondo. I genitori vegliano su di lui, «chissà come se l’è presa, forse sull’autobus», sono preoccupati: «Dicono che sarà lunga, i medici non si sbilanciano. Non ha ancora la sensibilità nelle gambe, è in uno stato di semi incoscienza, non è reattivo al 100 per cento, apre solo un occhio». Piccoli miglioramenti ci sono stati, ieri mattina è stato trasferito dalla Terapia intensiva ma il deficit neurologico persiste, a sentire quel che i medici dicono ai familiari sempre presenti. Insomma il conducente è ancora in uno stato di coma e la famiglia si chiede: «Chissà se e come guarirà. Ci hanno detto che sarà lunga che avrà bisogno di antibiotici e riabilitazione, ma che si guarisce». Una brutta infezione quella del giovane conducente dell’Atac. Che ha colpito le meningi nei centri nervosi propagandosi anche all’encefalo. Dal Gemelli confermano le condizioni di salute delicate e un quadro clinico che va seguito con la massima attenzione. All’Atac la famiglia ha immediatament inviato i documenti della patologia certificata: meningite da meningococco di tipo B. Ai familiari e a quanti sono stati a stretto contatto con il trentenne è stato somministrato un antibiotico. «Siamo stati contattati dalla Asl Rm1» ricordano i genitori.

 
LA TRAGEDIA
Un nuovo caso di meningite, pochi giorni dopo il decesso di Federico, il 15enne dell’Istituto Amerigo Vespucci stroncato dal meningococco di tipo C. La situazione è sotto controllo e non vi è alcun allarme ha rassicurato più volte la Regione Lazio. I genitori del ragazzo, vaccinato da piccolo e non durante l’adolescenza, quando è vivamente consigliato, nonostante il dolore, in un grande gesto di civiltà hanno lanciato un appello sull’importanza della vaccinazione. Una coperta che aiuta a difendersi da questo tipo di infezioni che colpiscono giovani e adulti. La situazione è sotto controllo e non vi è alcun allarme.

Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio, 14:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma