Diciottenne vedova di un terrorista pubblica foto del figlio con una pistola giocattolo

Lunedì 22 Dicembre 2014
5

Un bimbo di nemmeno 5 anni impugna una pistola giocattolo davanti alla bandiera nera dell'Isis.

E' l'immagine pubblicata sul profilo twitter di Umm Khattab, 18enne inglese vedova di un guerrigliero del gruppo terroristico con la didascalia «La prossima generazione Bi'ithnillah» (di buona volontà).

Il bimbo nella foto probabilmente non è figlio di Khattab, ma della compagna di avventure Khadijah Dare, di soli 22 anni, che lasciò il natale Lewisham per unirsi all'Isis, sposando il terrorista svedese Abu Bakr e trasferendosi in Siria.

Un destino che accomuna molte minorenni inglesi, alle quali spesso gli estremisti offrono denaro per convertirle alla causa: si trasferiscono a Raqqa, capitale dell'Isis, e sposano membri del gruppo terroristico. Spesso rimangono vedove molto presto, ma vengono trattate con tutti gli onori del caso: tra le foto postate dalla 18enne Khattab anche pizza, torte al cioccolato e altri «pensierini» dovuti al suo status di vedova di uno «shaheed», ossia un martire.

E' solo una delle tante, Khattab: come lei molte altre coetanee, alcune anche sotto i 16 anni. Yusra Hussein, 15 anni, di Bristol, a settembre è uscita di casa facendo finta di andare a scuola come tutte le mattine: invece è andata all'aeroporto di Heathrow dove ha preso un aereo per la Turchia. Sull'aereo con lei c'era anche la 17enne Samya Dirie. Le due ora sono sposate con militanti della jihad.

Per «adescarle» in rete i militanti Isis usano, oltre al denaro, anche descrizioni tanto belle quanto false della vita in Siria. Quando arrivano, la situazione che le ragazze trovano è ben altra. Ma, a quel punto, nessuno, nemmeno i loro genitori, riesce più a convincerle a tornare indietro.

Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre, 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma