Isis, l'ostaggio Cantlie scrive alla famiglia: «Scordatemi»

Venerdì 13 Febbraio 2015
1

«Dimenticatevi di me». Lo ha scritto alla famiglia John Cantlie, l'ostaggio britannico nelle mani dell'Isis divenuto 'l'inviato speciale' dei terroristi, in una lettera pubblicata nella notte sulla rivista jihadista Dabiq.

Cantlie ringrazia i parenti per gli «infaticabili sforzi» per il suo rilascio, ma si augura che ormai siano andati avanti con le loro vite.

La lettera appare a pochi giorni dal rilascio di un video in cui Cantlie, in apparenti buone condizioni di salute, mostrava da Aleppo quelle che definiva «le menzogne dell'Occidente». Critiche ai paesi della coalizione internazionale impegnati contro l'Isis sono ribadite dall'ostaggio nella lettera. «Ogni bomba lanciata contro la Siria o l'Iraq è uno strumento per reclutare nuovi jihadisti dello stato islamico».

Ultimo aggiornamento: 14 Febbraio, 08:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma