Covid, Speranza: «Come sarà il Natale dipende da noi. Accelerare con terza dose»

Manteniamo regole ma valuteremo. Ipotesi riduzione durata pass

Covid, Speranza: «Come sarà il Natale dipende da noi. Accelerare su terza dose»
5 Minuti di Lettura
Domenica 14 Novembre 2021, 21:47 - Ultimo aggiornamento: 21:48

Salgono i contagi, ma ricoveri e terapie intensive sono al momento sotto controllo, mentre le terze dosi del vaccino anti-Covid hanno quasi raggiunto quota 3 milioni. Ma il ministro della Salute Roberto Speranza dallo studio di Che tempo che fa avverte in vista del Natale: «se continuiamo a insistere sui richiami per i vaccini e sulle prime dosi e comportamenti corretti possiamo limitare il più possibile eventuali misure: dipende dai nostri comportamenti e dalla campagna di vaccinazione». Questo perchè, spiega, «in Italia stanno crescendo i contagi ed è necessario alzare i livelli di attenzione. Manteniamo le regole che sono esistenti, non c'è alcun dubbio che dobbiamo monitorare l'evoluzione del quadro epidemiologico, verificare la curva e adeguare le misure all'andamento della curva epidemiologica.

E oggi - ha sottolineato - scegliamo di accelerare sui richiami». Speranza ha poi ribadito che «chi non si vaccina non aiuta sé stesso, gli altri e il nostro Paese». «Vaccinarsi - ha puntualizzato - è davvero fondamentale, penso che la nostra Costituzione ci dia un messaggio non negoziabile, un sistema universalista: se una persona sta male si cura, non può essere che chi non è vaccinato non venga curato o sia trattato diversamente». Un messaggio rassicurante lo ha inviato da par suo il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri: «Sarà un Natale libero», ha affermato pensando alle festività 'in rossò dello scorso anno. Sulla stessa linea il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio che si dice «preoccupato» per l'andamento del virus ma sottolinea l'impegno del Governo: «faremo tutto quello che serve per lasciare aperto il Paese». E a dare fiducia all'Esecutivo è anche il buon andamento del weekend di manifestazioni 'no green pass', svoltesi senza tensioni con l'esordio delle nuove regole sulla concessione delle piazze varate con la direttiva del ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese.

Tra gli scienziati ferve il dibattito sul rafforzamento delle misure. L'immunologo Guido Rasi, consulente del commissario Francesco Figliuolo, si è detto favorevole all'adozione di misure più drastiche, come l'obbligatorietà del vaccino e l'esclusione della possibilità di ottenere il green pass attraverso il tampone: «così un 30% di positivi sfugge», avverte. Altro esperto, Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza propone di togliere il certificato verde a chi rifiuta la dose booster. Il Governo, per ora, frena. Una valutazione sulla possibilità di introdurre interventi restrittivi si farà all'inizio di dicembre, con in mano i dati aggiornati su curva dei contagi ed andamento dei ricoveri. La scommessa è quella di accelerare sulle terze dosi per arginare l'avanzata della quarta ondata che in altri Paesi europei sta facendo molti più danni inducendo l'Austria, ad esempio, a disporre da domani il lockdown per i non vaccinati. In Italia la situazione appare sotto controllo.

 

Terapie intensive e ricoveri ordinari sono lontani dalle soglie di allarme. Ma anche qui la diffusione del Covid è in espansione. Il monitoraggio quotidiano registra 36 vittime e 7.569 nuovi positivi nelle ultime 24 ore: lo stesso giorno dello scorso anno erano stati rispettivamente 544 e 37.255. Complessivamente le persone attualmente contagiate sono salite a 119.230, con un incremento di 4.118 nelle ultime 24 ore. In terapia intensiva ci sono 458 pazienti contro i 3.306 di un anno fa. Il confronto con la situazione del novembre 2020 fa capire come l'ipotesi di nuovi lockdown, coprifuoco e zone rosse come quelle che hanno caratterizzato le passate festività natalizie sembra remota. Più praticabile la via di un accorciamento della validità del Green pass, ora a 12 mesi sia per guariti che vaccinati. Risale allo scorso agosto il parere del Cts che alzò la scadenza del certificato che fino ad allora era di 6 mesi per i primi e di 9 per i secondi. Gli scienziati valutarono allora che ci fossero le condizioni per estendere la durata del pass, ripromettendosi tuttavia di rivedere la posizione «qualora - si legge nel verbale della riunione del 27 agosto - emergano nuovi dati o siano pubblicati studi scientifici che orientino verso diversa conclusione».

Video

Ed in effetti gli studi sono ora concordi nell'indicare un calo consistente della protezione a partire da sei mesi dal vaccino. Il Governo potrebbe dunque chiedere un nuovo parere agli scienziati, ma se ne parlerà comunque a dicembre. Di Maio sottolinea come il green pass fosse «l'unico strumento che avevamo per non fermare di nuovo l'economia. Siamo all'86% di italiani che hanno avuto almeno una dose di vaccino, gli altri Paesi europei stanno più indietro e per questo ora stanno introducendo misure drastiche». Intanto, si spinge sulle terze dosi che per ora sono state somministrate al 5% degli italiani. A giorni il 'booster' sarà obbligatorio per sanitari e personale della sanità - il Consiglio dei ministri potrebbe essere già questa settimana - mentre dall'1 dicembre potranno ricorrervi anche gli over 40.

© RIPRODUZIONE RISERVATA