Caio Mussolini: «Non mi hanno candidato per il cognome, ma il brand del Duce piace ancora molto»

Martedì 9 Aprile 2019 di Fabrizio Nicotra

Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del Duce e candidato con Fratelli d'Italia alle Europee, cosa è successo con Facebook?
«Mi hanno disabilitato l'account privato fino all'11 aprile. Eppure non avevo scritto nulla. Evidentemente Fb esegue le segnalazioni di centri sociali e compagni vari. Mentre tollera insulti, minacce di morte e immagini violente. Ho dato mandato al mio Avvocato di denunciare Fb per discriminazione».

Elezioni europee, il pronipote di Benito Mussolini: «Facebook mi ha bloccato per il mio cognome»

Notorietà improvvisa...
«Sì, ho sempre servito l'Italia in silenzio. Un po' per via del cognome ingombrante, che però porterò sempre con orgoglio, e un po' per il nome, nel senso che di carattere sono riservato. Volevo parlare di temi concreti, di interesse nazionale da far valere in Europa, di Sud come vera questione nazionale. E invece no. Pazienza, da domani girerò il mio collegio elettorale e parleremo di cose concrete. Di futuro. E di Italia».

Ha mai fatto politica prima?
«Mai. È la mia prima esperienza. Ovviamente ho respirato politica per tutta la mia vita».

Meloni ha scelto lei per il cognome che porta?
«Credo per il mio nome, cioè per quello che ho fatto nella mia vita. Ufficiale di Marina, manager di grandi aziende, due lauree, tante esperienze internazionali. Ho sempre cercato di fare al meglio il mio dovere».

Quanto vale il brand Mussolini?
«Lo scopriremo il 26 Maggio. Tanti vogliono scrivere Mussolini sulla scheda. Così, ho deciso che il motto della mia campagna è #ScriviMussolini e devo dire che piace molto».

Sua cugina Alessandra come l'ha presa? Vi siete sentiti?
«Non ci siamo ancora sentiti. Ho un buon rapporto con lei, che ha tanta esperienza e magari mi darà qualche consiglio prezioso nel corso della campagna».

A giorni la conferenza di FdI a Torino. In Europa per cambiare l'Europa Come?
«Difendendo l'interesse nazionale in ogni singolo atto, votazione. Dall'agricoltura al turismo, troppe volte il Sud e l'Italia sono stati penalizzati a vantaggio del Nord Europa o di lobby finanziarie. Altro che Siamo europei o più Europa. Ci vuole più Italia!».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

FaceApp, i figli crescono e le mamme invecchiano

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma