Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Yrma Lydia, cantante messicana di 21 anni uccisa a colpi di pistola dal marito. «Sparati tre colpi in testa»

Yrma Lydia, cantante messicana di 21 anni uccisa a colpi di pistola dal marito. «Sparati tre colpi in testa»
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 20:45

Una cantante messicana è stata uccisa dal marito in un ristorante di Città del Messico, come hanno riferito venerdì le autorità locali. Yrma Lydia, 21 anni, che aveva appena iniziato la sua carriera musicale, è stata uccisa giovedì sera nel ristorante Suntory Del Valle, nel sud della città, quando è stata aggredita dal suo compagno, Jesús Hernández Alcocer, 79 anni.

«Un uomo ha sparato tre volte alla moglie, è già in stato di fermo insieme a un'altra donna che lo accompagnava», ha dichiarato Omar García Harfuch, segretario alla Sicurezza di Città del Messico. Secondo i testimoni, dopo una discussione, un uomo dai capelli grigi ha sparato alla cantante, che si è rivelata essere sua moglie.

Alcocer ha cercato di corrompere la polizia per farlo fuggire in compagnia di una delle sue guardie di sicurezza, anch'essa arrestata. Secondo il quotidiano El Universal, Lydia aveva partecipato ad alcune presentazioni di Grandiosas 12, una serie di concerti in Messico e negli Stati Uniti che riunisce noti cantanti centro e sudamericani, come María Conchita Alonso e Dulce e Alicia Villareal.

Secondo quanto riportato, Alcocer è stato precedentemente accusato di estorsione. La violenza di genere si è intensificata in Messico negli ultimi anni, con una media di 10 donne uccise al giorno. Questo fa parte di una continua tendenza all'aumento della criminalità sotto il presidente Andrés Manuel López Obrador. Venerdì ha affrontato domande sul fatto che ci sono stati più omicidi nei suoi tre anni e mezzo rispetto ai sei del suo predecessore Felipe Calderon. 

Lopez Obrador ha spesso fatto campagna elettorale sostenendo che Calderon fosse responsabile di una violenza insensata.  Già 10 agenti di polizia sono stati uccisi nel 2022 nello stato più violento del Messico, Jalisco. 

Obrador ha dichiarato che il suo governo non si concentra più sulla detenzione dei leader dei cartelli della droga e nel 2019 ha ordinato il rilascio di un leader catturato del cartello di Sinaloa per evitare spargimenti di sangue.

López Obrador ha attuato una strategia che chiama "abbracci, non pallottole" e a volte è sembrato tollerare le bande, persino lodandole a un certo punto per non aver interferito nelle elezioni.

Alla domanda se intendesse cambiare strategia, López Obrador ha risposto: "No, piuttosto il contrario, questa è la strada giusta".

© RIPRODUZIONE RISERVATA