COVID

Covid, Biden: «Acquistate dosi per vaccinare tutti gli americani entro luglio»

Venerdì 12 Febbraio 2021
Covid, Biden: «Acquistate dosi per vaccinare tutti gli americani entro luglio»

Joe Biden prova a spingere sull'acceleratore per i vaccini contro il Covid. Il presidente americano annuncia di aver formalizzato l'acquisto di ulteriori 200 milioni di dosi, di cui 100 milioni da Pfizer e 100 milioni da Moderna. Con il nuovo ordine «entro luglio» gli Stati Uniti dovrebbero avere abbastanza dosi per vaccinare 300 milioni di americani. L'annuncio è accompagnato da parole dure nei confronti di Donald Trump. Il piano per le vaccinazioni ereditato era in una situazione «molto peggiore delle attese. «Gli scienziati hanno fatto il loro lavoro per un vaccino in tempi record, il mio predecessore non ha fatto il suo lavoro nel prepararsi alla grande sfida della vaccinazione di milioni di persone», dice Biden nel corso di una visita al National Institute of health, lamentando il fatto che Trump non avesse ordinato abbastanza vaccini. 

Capitol Hill, America sotto choc per i nuovi video. «Donald Trump sapeva tutto»

«Non sarà tutto risolto a breve, ma lo risolveremo», aggiunge Biden riferendosi alle attuali difficoltà del piano di vaccinazione, alle prese con scorte limitate a fronte di una forte domanda. Chiedendo pazienza agli americani, il presidente si mostra anche cautamente ottimista e prevede che gli Stati Uniti potrebbero superare l'obiettivo delle 100 milioni di dosi nei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca. Le operazioni di vaccinazione continuano in tutti gli Usa a rilento per la mancanza di dosi. I maxi centri allestiti in tutta America viaggiano a velocità ridotta. In California uno è stato chiuso, nello stato di New York uno dei maggiori somministra solo qualche centinaio di vaccini al giorno per avendo la capacità di migliaia di inoculazioni. Intanto emergono nuovi dettagli su Trump e il suo stato di salute quando si è ammalato di Covid. Le sue condizioni quando è stato ricoverato, riporta il New York Times, erano decisamente più gravi di quanto ammesso pubblicamente dalla Casa Bianca. Il livello di ossigeno dell'allora presidente era infatti sceso a livelli così bassi da far temere fosse necessario un ventilatore polmonare.

Ultimo aggiornamento: 08:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA