Violenza sulle donne, una serata per aiutare le vittime in fuga

Giovedì 3 Ottobre 2019
Donatella Gimigliano, l'ideatrice di

Le ferite nel corpo e nell'anima delle donne, quelle lasciate dalla violenza e dal tumore al seno. A queste cicatrici che segnano la vita di tante sarà dedicata una serata che si terrà domani 4 ottobre nel nuovo A.Roma Lifestyle Hotel: la V edizione di «Women for Women against violence - Premio Camomilla», evento ideato e organizzato da Donatella Gimigliano, presidente dell'associazione Consorzio Umanitas che unisce due grandi temi del mondo femminile, la violenza di genere e quella del tumore al seno.
Obiettivo della kermesse, che sarà presentata da Arianna Ciampoli e Livio Beshir, è sostenere il progetto
Valigia di Salvataggio dell'associazione Salvamamme, pensato per aiutare le donne in fuga vittime di violenza con un piano che le metta al sicuro nei giorni successivi all'abbandono della loro casa. La serata ha il patrocinio della Rai, della Regione Lazio, del Comune di Roma, dell'Unicef, della Croce Rossa Italiana e della Lilt (Lega Italiana Lotta contro i Tumori).  
In apertura, il violino elettronico di Andrea Casta. E poi un talk, diretto da Antonio Centomani, durante il quale verranno presentati contributi video e progetti sui due temi ispiratori dell'evento e la consegna del
Premio Camomilla”,  una creazione appositamente realizzata dal maestro orafo Michele Affidato, a personalità e artisti che si sono distinti per il loro impegno nel sociale.

Tra i premiati dell'edizione 2019 Francesco Samengo (presidente Unicef), le attrici Valentina Lodovini, Giulia Michelini, l'attivista mondiale Leyla Hussein, co-fondatrice dell'organizzazione no profit Daughters of Eve, amministratore delegato di Hawàs Haven e ambasciatrice globale di The Girl Generation, Benedetta Rinaldi (membro della consulta nazionale femminile Lilt). Durante l'evento verranno raccontate anche storie di donne in rinascita, come quella di Barbara Bartolotti (introdotta da Euridice Axen), vittima di una brutale aggressione durante la quale ha perso il figlio che portava in grembo; di Elena Sorrentino (che riceverà il premio da Paola Ferrari), autrice del libro “Io, il Cancro e la Maggica con il contributo di Anna Vinci; di Valeria Grasso, la cui storia sarà interpretata da Maria Rosaria Omaggio. Testimone di giustizia, la Grasso con la sua coraggiosa denuncia ha fatto arrestare 25 persone del clan Madonia e ora si occupa di Beni Confiscati alla Mafia per il Ministero della Salute, e verrà premiata dal generale  Minicucci, comandante Legione Carabinieri Lazio. Il giovane Carmine Ammirati (che verrà premiato da Enrica Bonaccorti), orfano di femminicidio, dedicherà alla mamma scomparsa, per voce di Vincenzo Bocciarelli, una toccante poesia e, affiancato da Antonio Balsamo e Alina Camisano, un passo di danza con le coreografie di Andrè de la Roche. Assieme a Carmine verrà premiata la presidente dell'Associazione Edela, Roberta Beolchi, che riceverà il riconoscimento da Barbara Bouchet. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA