Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dispositivi anti abbandono: arriva Tata Pad, il cuscino "salva bebè"

Dispositivi anti abbandono: arriva Tata Pad, il cuscino "salva bebè"
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Ottobre 2019, 16:39

Arriva il primo cuscino "salva bebè". Si chiama Tata Pad ed è dotato di allarmi intelligenti, che suonano quando il bambino o la bambina viene abbondonata o abbandonato in auto. Il prodotto, ideato dalla starup romana Filo srl, è stato presentato l'anno scorso al Maker Faire Roma. 

«Tata Pad è un cuscino intelligente che si collega allo smartphone, ma che è stato progettato per funzionare anche quando il telefono è scarico, spento o viene dimenticato in auto» spiega Giorgio Sadolfo amministratore delegato e fondatore di Filo.

La tecnologia che permette tutto ciò è stata progettata e brevettata dalla stessa azienda e prende il nome di Tata Brain, un sistema di allarmi adattivo in grado di riconoscere autonomamente le situazioni di pericolo e avvisare i contatti di emergenza anche nei casi più imprevisti, come quello dello smartphone dimenticato in auto quando il bambino è a bordo.

Tata Pad, inoltre, è dotato di sensori capacitivi che, a differenza dei semplici sensori di pressione, si attivano solo se sul seggiolino c’è realmente un essere umano, facendo diminuire i falsi allarmi. «Nel 18% dei casi finiti tragicamente il genitore, ignorando i rischi dell’ipertermia, ha lasciato il proprio figlio in auto consapevolmente: in questi casi, non basta un allarme sonoro, ma servono allarmi più intelligenti. Abbiamo creato Tata Pad con l’obiettivo di dare ai genitori un sistema di sicurezza completo che fosse in grado di attivarsi e agire autonomamente in caso di pericolo», aggiunge Giorgio Sadolfo. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA