Recovery Fund, Commissione pronta ad alzare il velo

Martedì 26 Maggio 2020
(Teleborsa) - Come sarà l'Europa post Covid? Mai come ora torna utile la locuzione latina "Faber est suae quisque fortunae" che tradotta letteralmente, significa "Ciascuno è artefice della propria sorte".

Sogno da un lato, fallimento dall'altro: l'Europa è chiamata a scegliere. "I tempi straordinari che viviamo creano una opportunità senza precedenti per creare degli strumenti comuni, alcuni sono già in piedi", e "il pacchetto di domani" sul Recovery fund che verrà proposto domani "sarà in ogni caso un passo ulteriori in questa direzione". Lo ha affermato il Commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni intervenendo a un seminario della Foundation for European Progressive Studies.

Una situazione straordinaria che necessita di misure straordinarie, ovviamente temporanee. "Per la prima volta dopo 10 anni di discussioni da posizioni molto diverse - sottolinea Gentiloni - tra sostenitori della prevenzione dei rischi e sostenitori della condivisione dei rischi, abbiamo un terreno comune su obiettivi condivisi che oggi, e nel prossimo futuro, dobbiamo fronteggiare.

La sfida lanciata dal coronavirus è appena iniziata. Possiamo raccoglierla e vincerla, trasformando la crisi in opportunità, oppure fallire. "Sono certo che queste misure, per quanto temporanee lasceranno un segno - ha aggiunto - che resterà", ha affermato l'eurocommissario secondo il quale "populismi e nazionalismi non sono diventati più forti, ma deboli". E questo, ribadisce Gentiloni, mette in rilievo "l'importanza di essere una comunità e della cooperazione". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani