Philips, trimestrale deludente e guidance peggiorata su problemi a supply chain

Philips, trimestrale deludente e guidance peggiorata su problemi a supply chain
2 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Ottobre 2021, 10:15

(Teleborsa) - Philips, multinazionale olandese che negli ultimi anni si è concentrata sempre più nel settore delle nuove tecnologie per la salute, ha registrato vendite pari a 4,2 miliardi di euro nel terzo trimestre dell'anno, con una diminuzione delle vendite comparabili del 7,6%. A causare la performance negativa sono stati i problemi alla supply chain globale e i già annunciati problemi a dispositivi di ventilazione utilizzati per trattare l'apnea notturna.

L'EBITA rettificato è stato di 512 milioni di euro nel trimestre, o 12,3% delle vendite, rispetto ai 684 milioni di euro, o 15,5% delle vendite, del terzo trimestre 2020 (pari a un calo di circa il 25%). Il flusso di cassa operativo è stato di 256 milioni di euro, rispetto ai 575 milioni di euro dello stesso periodo del 2020.

La società ha rivisto al ribasso la guidance per l'intero esercizio. "La volatilità della catena di approvvigionamento si è intensificata a livello globale, il che ha già portato a tempi più lunghi per convertire il portafoglio ordini in ricavi nel terzo trimestre e prevediamo che questo vento contrario continuerà nel quarto trimestre", ha commentato il CEO Frans van Houten.

"Pertanto, ora prevediamo di fornire una crescita delle vendite comparabili a una sola cifra con un modesto miglioramento del margine EBITA rettificato per l'intero anno 2021 - ha aggiunto - Sulla base della nostra forte domanda e del crescente portafoglio ordini, prevediamo di riprendere la nostra traiettoria di crescita e di espansione dei margini in 2022 mentre lavoriamo contro i venti contrari".

© RIPRODUZIONE RISERVATA