Natale, shopping con stangata: dal cibo (pesce, pasta, panettone) ai regali hi-tech, tutti i rincari

Natale, shopping con stangata: dal cibo (pesce, pasta, panettone) ai regali hi-tech, tutti i rincari
di Roberta Amoruso
5 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Dicembre 2021, 07:02 - Ultimo aggiornamento: 10:08

Difficile dire oggi se l’inflazione al galoppo sarà permanente e instabile, come teme qualcuno. O se la narrativa del ritorno agli anni ‘70 stia guadagnando terreno, a ragione oppure no. Ma è certo che la stangata di Natale ci sarà. Lo dice l’inflazione quasi triplicata in appena 5 mesi, dall’1,3% di giugno al 3,8% di novembre, con pesanti ricadute sulle tasche delle famiglie: 1.218 euro in meno per un nucleo di 3 persone, 736 euro per un single. E lo dicono le previsioni stellari per la spesa di Natale elaborate per il Messaggero dall’Unione nazionale consumatori sui dati Istat di novembre, con aumenti che arrivano a sfiorare il 20% rispetto a un anno fa. Ma anche per i regali si dovrà alzare il budget o ridurre la scelta: in questo caso per gli articoli più richiesti si arriva a un più 33%. Se poi si è messo in conto di fare un viaggio internazionale, l’aumento sarà superiore al 50% rispetto al 2020: soltanto ad agosto scorso l’aumento era limitato al 7%. Per tutti invece va messo in conto un rincaro del gas del 40-50% e dell’elettricità del 33%. Oltre a un 25% in più invece per un pieno di benzina. Ma per il gpl e il metano l’impennata è del 46%.

Gas, Europa a rischio blackout, ecco perché: inverno rigido e scorte energetiche basse

LA TOP TEN
Ma vediamo nel dettaglio chi pagherà il conto più alto. Il primo rincaro choc in classifica tocca ai biglietti aerei per volare oltreconfine. Compagnie che viaggiano a capacità ridotta per il secco taglio dei voli hanno meno posti da offrire rispetto a un domanda in aumento nonostante la diffusione del virus, e quindi biglietti più cari. Senza contare l’effetto carburante. Il risultato è un più 51,3% per i voli internazionali, a fronte del 18,9% per quelli nazionali. Seguono a ruota i carburanti come gpl e benzina per i mezzi privati (+45,8%), e la bolletta di gas e luce. Al quinto posto c’è il gasolio per mezzi come gli autobus (+27,9%) davanti alle spese di riscaldamento (+26,8%). Tempi duri anche per chi impara a guidare: tra lezioni, esami, pratiche per patenti e controlli dei veicoli, l’aumento è del 16,1%. Colpa dell’aumento dei costi di revisione dell’auto. A chiudere la top ten ci sono i servizi postali. Persino la letterina per Babbo Natale costerà di più di un anno fa (+6,2%).
Allora si finirà per tagliare dove si può nello shopping natalizio. Oppure basta scegliere dove l’inflazione ha picchiato meno duramente. 

IL CARRELLO DELLE FESTE
I prodotti più colpiti tra quelli scelti tradizionalmente a Natale sono gli apparecchi per la telefonia fissa: si arriva al 33,4% per l’effetto smart working che ha fatto spopolare anche i classici strumenti per fare le classiche “call” di lavoro. Mentre e-book reader e cuffie con microfono insieme ad altri apparecchi per la ricezione, registrazione e riproduzione di suoni e immagini superano il 15% di rincaro. Più o meno quanto una macchina da caffé o altri piccoli elettrodomestici simili. Va un po’ meglio ai giochi che si limitano a un più 6,5%, poco più di quanto va previsto per acquistare una bicicletta nuova (+5%). Meglio puntare sull’abbigliamento: in questo caso in rincaro non arriva all’1%.

Infine, il caro-Natale arriverà anche su cene e pranzi tradizionali in famiglia, considerati anche i cattivi raccolti di frumento in Canada e Stati Uniti. La peggio va a tutti gli olii diversi dall’olio di oliva (+19%) spesso utilizzati per friggere, dopo l’impennata dei prezzi di mais, girasoli e soia. Ma se i frutti di mare sono saliti quasi del 9%, il caro-pasta arriva al 6%, sempre per via della scarsità di cereali. Pesce fresco e carne vedono un più 4%, più o meno in linea con farina, burro e verdure surgelate, secondo Unc. Non solo. Stando a un’analisi di Assoutenti, l’aumento da mettere in conto su panettoni, pandori e dolci lievitati è del 10% rispetto al 2019, anno pre-pandemia. E c’è da fare due conti anche su spumanti, vini e bevande (+3,5%) e sugli addobbi natalizi.
Il rischio non è da poco. «Questa stangata comporterà una riduzione dei consumi, con effetti devastanti per la ripresa in corso e sugli acquisti di Natale» per Massimiliano Dona, presidente dell’Unc. Insomma, il rischio di un Natale in bianco è «più che concreto». Di qui l’appello al governo Draghi per ridurre di almeno di 20 centesimi le accise sui carburanti e raddoppiare i 2 miliardi stanziati in manovra per contenere gli aumenti di luce e gas.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA