Latte, protesta allevatori sardi avanti ad oltranza davanti a Montecitorio

Martedì 12 Febbraio 2019
(Teleborsa) - Va avanti ad oltranza la protesta degli agricoltori sardi, nonostante le sollecitazioni del Ministro dell'Agricoltura, Gian Marco Centinaio, a sospendere la protesta: "Ai pastori dico di fermare le proteste, il 21 febbraio ci sediamo tutti insieme e facciamo ragionare i trasformatori".

La rivolta dei pastori sardi era iniziata lo scorso weekend con il riversamento del latte in strada, a causa del prezzo bassissimo del latte di pecora e di capra, rispettivamente 55 e 44 centesimi, pagato dai trasformatori ai produttori, che non consente di coprire i costi di produzione.

Oggi martedì 12 febbraio la protesta si sposta davanti a Montecitorio, davanti al Parlamento, dove sono arrivati migliaia pastori messi in ginocchio dalle "speculazioni" sulle quotazioni del latte. Ad essi si sono uniti anche gli agricoltori della Coldiretti, guidati dal Presidente Ettore Prandini, colpiti dalle pesanti calamità che ha provocato il dimezzamento del raccolto nazionale di olio di oliva. Sono attesi oggi anche rappresentanti istituzionali.

"Rispetto per la tragedia dei pastori sardi" si legge in uno striscione mostrato dai pastori, davanti a bidoni di latte accatastati. "Chiudiamo i porti al falso olio italiano" e "Fermiamo la Xylella E' #disastrocolposo" sono alcuni degli slogan degli agricoltori della Coldiretti, il cui obiettivo - si sottolinea - è garantire un futuro ad un settore strategico per il Made in Italy e difendere il lavoro, l'economia e il territorio. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Perché a Londra e Parigi il turismo vale il doppio di Roma

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma