Italia quart'ultima in Europa per efficienza mercato del lavoro

Martedì 6 Novembre 2018
(Teleborsa) - Mercato del lavoro italiano ancora in ritardo rispetto all'Europa e al resto del Mondo. E' quanto emerge da un'analisi condotta dal centro studi di ImpresaLavoro, che evidenzia come il nostro Paese risulti al quart'ultimo posto per efficienza del mercato del lavoro tra i 28 membri dell'Unione Europea ed al 79° posto tra i 140 Paesi censiti nella classifica.

Il dato può essere letto in modo positivo, se si vede alle ben 37 posizioni guadagnate nella graduatoria internazionale e alle tre in Europa, ma non può che preoccupare il fatto che l'Italia rimanga attardata rispetto a Paesi come Perù, Nigeria e Uruguay. L'indicatore dell'efficienza è un aggregato di più voci che bene evidenziano le difficoltà che il nostro mercato del lavoro attraversa, nonostante il miglioramento registrato negli ultimi anni.

I principali indicatori ci pongono agli ultimi posti per efficacia nel mondo e sempre nelle retrovie della classifica europea. Ad esempio siamo al 135° posto al mondo e terz'ultimi in Europa per flessibilità nella determinazione dei salari, intendendo con questo che a prevalere e' ancora una contrattazione centralizzata, mentre in tema di retribuzioni rimaniamo anche quest'anno il peggior Paese europeo, 127° nel mondo, per capacità di legare lo stipendio all'effettiva produttività. Parecchio elevata anche la tassazione sul lavoro: in Europa siamo 12 esimi (ma 100° nel mondo) per quanto riguarda l'effetto della pressione fiscale sul lavoro. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

M5S e Lega, il diverso approccio al governo delle cose

Colloquio di Alvaro Moretti e Simone Canettieri