Ischia, dichiarato stato emergenza per un anno: in arrivo 2 milioni

Ischia, dichiarato stato emergenza per un anno: in arrivo 2 milioni
4 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Novembre 2022, 09:30
(Teleborsa) - Sette morti accertati, tra cui un neonato di neppure tre settimane, trovato tra le braccia della sua mamma, e cinque dispersi. Questo il bilancio della frana di Casamicciola che ha travolto il comune di Casamicciola, secondo quanto ha comunicato il prefetto di Napoli Claudio Palomba al termine della riunione del Centro Coordinamento Soccorsi. Mentre a Ischia vanno avanti le ricerche dei dispersi, il Consiglio dei Ministri straordinario, convocato d'urgenza 24 ore dopo la frana., ha dichiarato lo stato di emergenza per un anno e ha disposto un primo stanziamento di 2 milioni di euro. Disastro colposo è l'ipotesi di reato ipotizzata dalla Procura di Napoli nel fascicolo contro ignoti aperto.



Le vittime – Sono sette i corpi ritrovati: un'intera famiglia, Maurizio Scotto di Minico, la moglie Giovanna Mazzella e il figlio della coppia GiovanGiuseppe di appena 22 giorni; due fratelli di 11 e 6 anni, Francesco Monti e Teresa Monti, e una donna di nazionalità bulgara, Nikolina Gancheva Blangova di 58 anni. Si vanno ad aggiungere alla prima vittima identificata, Eleonora Sirabella, 31 anni, per un totale di sette morti accertate. Cinque i dispersi: tra loro, oltre a Salvatore Impagliazzo, compagno di Eleonora Sirabella, i coniugi Valentina Castagna e Gianluca Monti con uno dei loro tre figli (genitori e fratello dei ragazzi di 11 e 6 anni trovati morti). Si fa più pesante anche il bilancio degli sfollati: se ne contano circa 230. Per tutti è stata trovata una sistemazione tra strutture alberghiere o in casa di parenti. Per quanto riguarda i feriti, infine, dovrebbero essere cinque. Le abitazioni colpite passano da quindici a una trentina.

La risposta del governo – Stato di emergenza a Ischia per un anno, 2 milioni di euro in arrivo, oltre alla proroga delle scadenze di contributi e tasse che scatterà per residenti e imprenditori fino a dicembre. È la "risposta immediata" – come sottolineato dalla premier Giorgia Meloni – che il governo dà all'isola. Fondi che "ci sono già", sottolineano i ministri coinvolti, perché presi dal fondo per le emergenze nazionali. È un primo inizio, che probabilmente coprirà solo gli interventi più urgenti, dalla pulizia delle strade alla ripresa dei servizi pubblici fino all'assistenza a chi si ritrova senza casa. "Altri stanziamenti – assicura il ministro per il Sud, Nello Musumeci – seguiranno non appena avremo una ricognizione dei danni e delle esigenze immediate".

Piano nazionale di adattamento al cambiamento climatico – Il governo ha annunciato che si mobiliterà contro il dissesto idrogeologico, con un gruppo interministeriale che sarà coordinato da Musumeci, e nella lotta ai cambiamenti climatici. Assicura, in particolare, che entro fine anno approverà il Piano nazionale di adattamento al cambiamento climatico, che fa capo al ministero dell'Ambiente. Commissionato nel 2016 sotto il governo Renzi e portato avanti in quello Gentiloni, il piano è rimasto in standby dal 2018 e probabilmente serviranno aggiornamenti da allora. Di fatto è uno strumento di pianificazione con azioni concrete, individuate a livello regionale per ridurre le emissioni di C02 e per adattare il territorio ai cambiamenti del clima. Sottoposto al parere della Valutazione ambientale strategica, "richiede significative integrazioni tecniche", ammette il ministro dell'Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin, convinto però che arriveranno entro il 31 dicembre. Un traguardo su cui ha puntato lo stesso Musumeci, che ha pure la delega alla Protezione civile. Riguardo al dissesto e il fronte della prevenzione dal rischio frane e alluvioni, il gruppo di lavoro annunciato coinvolgerà più ministri nella pianificazione e gestione dei fondi. Palazzo Chigi risponde così alla richiesta d'aiuto lanciata dal governatore della Campania, Vincenzo De Luca che sollecita pure lo stato di calamità e fondi aggiuntivi. Da subito e per 12 mesi sarà Simonetta Calcaterra a gestire l'emergenza sul campo, dopo la proposta del Consiglio dei ministri di nominarla commissario per la Protezione civile a Ischia. Da giugno Calcaterra è commissaria prefettizia di Casamicciola, visto che il Consiglio comunale è stato sospeso dopo le dimissioni di sette consiglieri comunali della cittadina termale. Inoltre, dopo il tassello necessario dello stato di emergenza, sarà un'ordinanza della Protezione civile a introdurre il rinvio, a dicembre, di contributi e tasse dovuti da residenti e attività commerciali. L'ulteriore proroga per il 2023 scatterà invece con norma di legge, mentre verrà prorogata la funzionalità della sezione distaccata di Ischia del tribunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA