Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Inflazione, BCE: le famiglie dell'Eurozona si aspettano che aumenti ancora nei prossimi 12 mesi

Inflazione, BCE: le famiglie dell'Eurozona si aspettano che aumenti ancora nei prossimi 12 mesi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Agosto 2022, 12:15
(Teleborsa) - I consumatori europei si aspettano che tra 12 mesi l'inflazione sarà più alta, che la crescita del reddito rimarrà invariata mentre la spesa nominale aumenterà notevolmente più del reddito, che la crescita economica sarà più negativa e la disoccupazione aumenterà e che, infine, la crescita dei prezzi delle abitazioni sarà leggermente inferiore mentre tassi di interesse sui mutui continueranno a salire. È quanto è emerso da un sondaggio condotto dalla Banca Centrale Europea sulle aspettative delle famiglie dell'Eurozona a giugno.

L'inflazione percepita dai consumatori negli ultimi 12 mesi è aumentata notevolmente, così come le loro aspettative per l'inflazione futura. Il tasso di inflazione percepito mediano negli ultimi 12 mesi è salito al 7,2% dal 6,6% di maggio, mentre l'aspettativa mediana per l'inflazione a 12 mesi a venire è salita solo al 5,0%. Anche le aspettative di inflazione a tre anni sono aumentate notevolmente al 2,8%, dal 2,5% di maggio. L'incertezza dei consumatori sull'inflazione si è stabilizzata da marzo dopo essere aumentata rispetto ai mesi precedenti.

Per quel che riguarda le aspettative per la crescita del reddito nominale nei prossimi 12 mesi queste sono rimaste invariate allo 0,9%. Rimangono più elevati per i consumatori di età compresa tra 18 e 34 anni (all'1,8%) e per quelli con redditi molto bassi. La percezione della crescita della spesa nominale negli ultimi 12 mesi ha continuato a crescere da aprile 2021, raggiungendo il 5,0%. I consumatori con redditi inferiori alla media hanno continuato a percepire la crescita della spesa nominale più elevata. Per quanto riguarda la futura crescita della spesa nominale, le aspettative degli intervistati a 12 mesi sono salite al 3,9%.

Le aspettative di crescita economica per i prossimi 12 mesi erano leggermente più negative rispetto a maggio a -1,3% e si basavano su un'ampia base per fasce di reddito e fasce di età. Le aspettative dei consumatori sono diventate negative a marzo 2022, scendendo a un minimo di -1,8%, ma da allora il calo atteso si è moderato. Coerentemente con le minori aspettative di crescita economica, le aspettative sul tasso di disoccupazione a 12 mesi sono salite all'11,5%, vicino ai livelli di inizio anno. Ad aprile 2022, i dati trimestrali mostrano che gli intervistati disoccupati avevano ridotto le loro aspettative di trovare un lavoro nei prossimi tre mesi dal 26,7% di gennaio al 23,8%. Anche la probabilità prevista di perdita di posti di lavoro nei prossimi tre mesi è scesa al 9,5% dal 10,3% di gennaio.

Le aspettative dei consumatori sulla crescita dei prezzi della loro casa nei prossimi 12 mesi sono scese marginalmente al 3,3%. Dopo un certo slancio al rialzo nel 2021, le aspettative si sono stabilizzate dall'ottobre di quell'anno. Le aspettative sui tassi di interesse sui mutui nei prossimi 12 mesi hanno continuato a salire fino al 4,0% dal minimo di gennaio del 3,3%. Le condizioni di accesso al credito percepite dai consumatori negli ultimi 12 mesi si sono leggermente inasprite e le aspettative per i prossimi 12 mesi sono rimaste sostanzialmente invariate. La quota di consumatori che dichiarano di aver richiesto credito negli ultimi tre mesi, intervistata su base trimestrale, è ulteriormente diminuita dal 13,7% di gennaio al 12,7% di aprile 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA