Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ex Ilva, in arrivo ricapitalizzazione dello Stato

Ex Ilva, in arrivo ricapitalizzazione dello Stato
2 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Agosto 2022, 08:46
(Teleborsa) - Il Governo torna a sostenere l''ex Ilva, oggi partecipata dallo Stato coon una quota di minoranza e ribattezzata Acciaierie d'Italia, per consentirle di uscire dalla crisi di liquidità in cui versa, in seguito all'impatto del rincaro dei costi di energia e materie prime e dei colli di bottiglia delle catene di approvvigionamento .

L'occasione sarà offerta dal decreto Aiuti Bis, che approda oggi in Consiglio dei Ministri, dove sarebbe previsto per la partecipata di Invitalia un aumento di capitale da 500 milioni ad 1 miliardo con garanzie statali ed anche con l'appoggio del socio ArcelorMittal.

Ad anticipare l'intervento nel dl Aiuti Bis sono stati i Ministri Giancarlo Giorgetti ed Andrea Orlando nel vertice di ieri con i sindacati, Confidustria e le regioni, cui ha partecipato anche Acciaierie d'Italia. In particolare il titolare del MISE ha parlato di un "impegno finanziario significativo" per l'azienda, in modo che sia "sufficiente fino a che le condizioni di contesto tornino in una relativa normalità". Il Ministro del Lavoro Orlando, dal canto suo, ha parlato di un intervento "sostanziale e solido" che "non sarà soggetto ad approvazioni di terzi".

Nella bozza del Dl Aiuti bis l'Ilva è solo menzionata all'articolo 31, ma non si conosce il testo, in attesa delle determinazioni di spesa del MEF e di qualche "limatura" cui ha fatto cenno Giorgetti.

Frattanto, l'Ad di Acciaierie d'Italia Lucia Morselli ha parlato di "un'azienda sana" che "ha destinato tutte le risorse e la ricchezza generata agli investimenti" sul piano ambientale. "Siamo limitati nell'acquisto delle materie prime e della produzione da monte a valle", ha spiegato la manager aggiungendo "vogliamo un'azienda con un futuro e per averla serve finanza visto il costo dell'energia".
© RIPRODUZIONE RISERVATA