Enel Green Power cede a F2i il 50% della joint venture EF Solare Italia

Lunedì 24 Dicembre 2018
(Teleborsa) - Enel, attraverso la controllata Enel Green Power S.p.A. (EGP), ha venduto la sua quota del 50% nella joint venture EF Solare Italia S.p.A. (EFSI), detenuta tramite Marte S.r.l., una società interamente controllata da EGP, all'altro partner della joint venture, F2i SGR S.p.A., per un corrispettivo di 214 milioni di euro.

Secondo quanto previsto dall'accordo di compravendita, EFSI, che acquista e gestisce impianti solari in esercizio in Italia, ha un enterprise value di circa 1,3 miliardi di euro, di cui circa 430 milioni di equity value e circa 900 milioni di indebitamento verso terzi.

"Con questa vendita cogliamo le opportunità offerte da uno scenario di mercato favorevole agli asset solari in Italia per liberare risorse a sostegno dello sviluppo e costruzione di nuovi impianti - ha dichiarato Antonio Cammisecra, responsabile di Enel Green Power - . Attualmente siamo alla ricerca di progetti rinnovabili in Italia per essere pronti ad accompagnare lo sviluppo greenfield del Paese con le altre nostre opportunità di crescita basate sul ripotenziamento degli impianti e l'innovazione tecnologica".

La vendita della quota di EGP in EFSI rientra nella strategia di gestione attiva del portafoglio del Gruppo Enel, che prevede una riallocazione delle risorse finanziarie da reimpiegare in iniziative caratterizzate da maggiori margini di crescita potenziale per il Gruppo. In Italia, Enel sta trasferendo risorse verso nuovi progetti rinnovabili piuttosto che acquisire asset già operativi.

Il corrispettivo di 214 milioni di euro è stato interamente versato al perfezionamento dell'operazione, generando un corrispondente impatto positivo sull'indebitamento finanziario netto di Gruppo. Il prezzo è soggetto ad aggiustamenti in linea con le prassi di norma adottate per simili operazioni.

(Foto: Vidar Nordli on Unsplash) © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«In consiglio non veniamo», rifiuto al quadrato sui rifiuti

di Simone Canettieri