Covid, Locatelli: possibile seconda dose eterologa per J&J, obbligo vaccinale solo se necessario

Covid, Locatelli: possibile seconda dose eterologa per J&J, obbligo vaccinale solo se necessario
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Ottobre 2021, 11:30

(Teleborsa) - Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, ha aperto alla possibilità di una seconda dose per colore che hanno già ricevuto la dose del vaccino anti Covid di Johnson & Johnson. "È un vaccino a vettore virale, come AstraZeneca, che ha ottenuto l'approvazione da parte delle agenzie regolatorie per una sola somministrazione monodose. In questo ora c'è la notizia di un processo di revisione da parte di FDA, successivamente ci sarà sicuramente anche da parte di EMA", ha spiegato ospite a Che Tempo che Fa su Rai3. "Qualora arrivassero indicazioni sulla possibilità di somministrare una seconda dose con una vaccino a RNA Messaggero, si avrebbe il vantaggio di indurre una risposta immunologica anche migliore. Queste persone verranno chiamate, c'è un'anagrafe vaccinale molto precisa. Somministrare oltre i due mesi non compromette l'efficacia. Appena arriveranno le indicazioni delle agenzie regolatorie, si farà tutto velocemente", ha aggiunto.

Il presidente Locatelli ha poi parlato della situazione epidemiologica italiana, "largamente più favorevole rispetto a quella di altri Paesi, anche rispetto alla Germania, in termini di circolazione virale". "Tutto questo non è accaduto per caso: è il frutto di una delle percentuali più alte di soggetti vaccinati nella popolazione vaccinabile – ha spiegato –. Anche perché abbiamo avuto una gradualità nelle riaperture. Quando da tecnici si sottolineava l'importanza della gradualità, non era per impattare negativamente sulla vita degli italiani, ma per evitare rischi. Infine è importante il mantenimento delle misure non farmacologiche: mascherina, lavaggio delle mani e distanziamento. Tutte cose che nel Regno Unite sono state abbandonate". "Noi avevamo suggerito aperture più graduali, poi la politica ha ritenuto di fare scelte diverse – ha aggiunto –. Al momento i numeri dicono che non abbiamo pagato un prezzo per queste riaperture".

Locatelli, infine, non esclude la possibilità di prevedere l'obbligo di vaccinazione, "qualora ce ne fossero gli estremi, si potrebbe considerare l'obbligo", dopo la politica di convincimento "che ha fatto largamente breccia e ha permeato la coscienza di tanti cittadini". "Vaccino e tampone non sono la stessa cosa – ha sottolineato –, la stessa durata del Green Pass ottenuto da questi infatti si diversifica. Il tampone dà una fotografia istantanea la cui validità ha una durata assai limitata, 48-72 ore. Tutto questo serve solamente a dire che in quel momento quel soggetto ha una bassa probabilità di essere contagiante. Quei pochi soggetti che si infettano dopo essere stati vaccinati hanno una capacità contagiante molto più bassa".

© RIPRODUZIONE RISERVATA