Amazon e Jeff Bezos sfidano Elon Musk con l'aiuto di Colleferro: Arianespace e Avio nel più colossale accordo spaziale di sempre sui satelliti per Internet

Amazon si allea con Arianespace e Avio nel più colossale accordo spaziale di sempre: Bezos sfida Musk con l'aiuto di Colleferro
6 Minuti di Lettura
Martedì 5 Aprile 2022, 16:49 - Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 13:45

Jeff Bezos si allea con l'Europa - Colleferro compresa - per battere il rivale Elon Musk. Il fondatore di Amazon di razzi lanciatori di satelliti se ne intende perché li fabbrica con la sua azienda Blue Origin, ma per reggere il passo dello scatenato avversario, che lo sta precedendo di parecchio con la sua SpaceX, ha firmato un accordo senza precedenti. Amazon utilizzera anche i nuovi razzi "Ariane 64" di Arianespace che si è impegnata, grazie a una montagna di dollari,  a portare in orbita alcuni dei 3.236 i satelliti della costellazione Kuiper di Amazon, il cui obbiettivo è portare le connessioni internet nelle zone prive di collegamenti. Lo stesso obbiettivo, lo stesso colossale business della costellazione Starlink di Elon Musk che ha già portato in orbita altre mille satelliti a colpi di 60 per ogni lancio per arrivare a una rete di 12mila satelliti. Il collegamento con Starlink è già in vendita e costa circa 150 euro al mese. Tanto? Se abitaste nell'Alaska del Nord o a margine del deserto del Kalahari forse non la pensereste così.

Stime indicano in 10 miliardi di dollari l'investimento iniziale di Amazon in Kuiper, così per dare un'idea.

Arianespace, contratto record

L'annuncio del più ingente accordo nella storia dell'aerospazio, che prevede altri partner oltre ad Arianespace, è stato dato negli Stati Uniti, nell'ambito dell'International Space Symposium in corso a Colorado Springs, ma oltre che in Francia e in Germania, partner in Aruianespace, si è brindato e fatto festa anche a Colleferro, dove l'Avio produce da sempre i booster (motori ausiliari) per i razzi Ariane.

La nuova versione Ariane 64 ne usa 4, la versione Ariane 62, ne usa 2. Il primo volo del nuovo lanciatore alto 62 metri e pesante oltre 800 tonnellate avverrà entro quest'anno. Insomma 72 booster da produrre nell'azienda a Valle Secola solo per questo accordo: una manna per l'azienda Avio dell'ad Giulio Ranzo, un numero portentoso anche nel vortice della space economy che galoppa a velocità cosmiche. Il costo di un lancio di Ariane 64 o Ariane 62 viene stimato attorno agli ottanta milioni di dollari: moltiplicate per 18 e capirete la felicità nel mondo di Arianespace. Ogni lancio può portare in orbita dai 35 ai 40 satelliti. I booster che Avio produce per Arianespace sono del resto il primo stadio del razzo Vega, lanciatore europeo costruito al 70% dall'Avio a Colleferro, che sta per fare debuttare la versione C del progetto che festeggia un decennio di successi. 

Complessivamente Amazon ha firmato contratti per 38 lanci con United Launch Alliance (ULA), una joint venture di Boeing e Lockheed Martin,  18 lanci con la società Arianespace e 12 lanci con la stessa Blue Origin, con un'opzione per ben 15 lanci aggiuntivi con l'impresa privata di proprietà del fondatore di Amazon. Alla fine si parla di un accordo per 83 lanci: mai visto prima. Siamo attorno, a stare stretti, a 7 miliardi di dollari. Certo, poca roba rispetto ai patrimoni di Bezos e del rivale Musk che fanno a gara a chi è il ricco del mondo, ma una svolta nell'economia dell'aerospazio. Con buon pace degli astronomi che faticheranno per vedere le stelle tra un satellite e l'altro.

 

Il contratto, che prevede appunto 18 lanci dell'Ariane 6 nell'arco di tre anni, dalla base europea di Kourou (Guyana francese), è «il più grande che abbiamo mai firmato», dichiara in una nota l'amministratore delegato di Arianespace, Stéphane Israel. L'ammontare dell'accordo non è noto. Finora il contratto più importante firmato da Arianespace era stato quello da un miliardo con la società One Web. «Siamo onorati di avere un ruolo significativo nello spiegamento del Progetto Kuiper di Amazon, che mira a connettere decine di milioni di persone a Internet», ha detto ancora Isra‰l. «Il fatto che Amazon abbia scelto l'Ariane 6 è un enorme orgoglio per noi e una grande prova di fiducia per il nostro nuovo veicolo di lancio». Per i 18 lanci si prevede di utilizzare la versione più avanzata del nuovo grande lanciatore europeo, l'Ariane 64 (A64), e in 16 dei 18 lanci si prevede di utilizzare una versione più potente dei motori P120C, chiamata P120C+.

Video

Stéphane Israël, Ceo di Arianespace, ha dichiarato: "Questo contratto, il più grande che abbiamo mai firmato, è un grande momento nella storia di Arianespace. Siamo onorati di avere un ruolo significativo nello spiegamento del Progetto Kuiper di Amazon, che mira a connettere decine di milioni di persone a Internet. Si baserà sullo spirito innovativo europeo, sulla potenza industriale e su anni di esperienza dei partner di Ariane. Il fatto che Amazon abbia scelto l'Ariane 6 per fare questo lavoro è una questione di enorme orgoglio per noi e un grande voto di fiducia per il nostro nuovo veicolo di lancio. Questo giorno segna un successo decisivo per il programma Ariane 6 e per tutta la sua catena di valore in Europa".

Morena Bernardini, direttore Strategia e Innovazione di ArianeGroup: “Ariane 6, il lanciatore progettato da Arianegroup si conferma il prodotto di cui il mercato ha bisogno. Il maxi contratto vinto da Arianespace lo dimostra. 
Arianegroup e tutti i suoi Partners industriali sono impegnati nel successo comune, l’avventura industriale inizia con questa storica firma di Arianespace. Questo contratto porta chiaramente benefici alle economie di scala del motore P120C, comune a Vega C e Ariane 6: il contratto con Amazon per Ariane 6 ne richiederà ben 72!”

La versatilità, l'alta capacità e l’attesa affidabilità di Ariane 6 hanno giocato un ruolo chiave nell'assicurare questo accordo con Amazon per il progetto Kuiper. Ariane 6 è stato progettato fin dall'inizio per essere in grado di integrare, durante la sua vita e su base regolare, nuove tecnologie. Dei 18 lanci A64, 16 A64 beneficeranno di un aumento della potenza dei booster solidi P120C (chiamati versione "P120C+"). Lo sviluppo incrementale di Ariane 6 ha lo scopo di migliorare regolarmente le prestazioni delle soluzioni di lancio offerte da Arianespace e di soddisfare sempre meglio le esigenze dei clienti istituzionali e commerciali. Questi sviluppi sono finanziati e gestiti dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA) e implementati dal prime contractor del sistema di lancio Ariane 6, ArianeGroup. 

Case, scuole, ospedali, aziende, governi e istituzioni che non hanno accesso alla connettività potrebbero presto averla attraverso il Progetto Kuiper.

Paolo Ricci Bitti

© RIPRODUZIONE RISERVATA