Giorgio Ursicino
MILLERUOTE di
Giorgio Ursicino

Un'estate piacevole per i motociclisti in Italia: tariffe autostradali giù del 30%

Venerdì 28 Luglio 2017
In vista degli esodi estivi una buona notizia per i motociclisti italiani. Questa mattina il Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Graziano Delrio e il presidente dell’Aiscat (l’Associazione delle concessionarie autostradali) Massimo Schintu annunceranno in una conferenza congiunta l’arrivo del pedaggio “light” per le due ruote. L’Aiscat ha infatti accolto l’invito del dicastero di Porta Pia di applicare una tariffa dedicata a moto e scooter adeguandosi a quello che già avviene da tempo nei principali paesi d’Europa dove le due ruote hanno una tariffa diversa rispetto alle auto visto che sono più leggere, hanno propulsori più piccoli e, soprattutto, occupano molto meno spazio.

Il risparmio per i motociclisti sarà consistente, di circa il 30%, quindi risulterà di un terzo inferiore rispetto a quella delle vetture. La misura sarà effettiva da martedì prossimo primo agosto, si potrà usufruire di questo sconto solo con l’attivazione di un Telepass abbinato alla targa della moto. Dal 15 settembre, poi, la novità sarà pienamente operativa e i motociclisti che nei 45 giorni avranno percorso tratti di autostrada con il Telepass riceveranno i rimborsi. Il periodo transitorio è necessario a Telepass per realizzare l’adeguamento tecnologico. In festa le associazioni di categoria che da tempo spingevano per l’introduzione di questo cambiamento che mette fine ad una penalizzazione per i centauri.

«Abbiamo centrato un eccellente risultato - ha dichiarato Corrado Capelli, presidente di Confindustria Ancma, l’Associazione nazionale ciclo, motociclo e accessori - questo è il frutto di tanti anni di duro lavoro dei costruttori di veicoli che ha visto poi aggiungersi all’importante battaglia la Federazione Motociclistica Italiana. Un impegno che viene finalmente ripagato». Sul tema è intervenuto anche Vincenzo Garofalo, parlamentare di Ap e presidente dell’intergruppo parlamentare “Amici delle due ruote”: «L’Italia è uno dei pochissimi paesi nel Continente dove il pedaggio autostradale per i motocicli e equiparato a quello delle autovetture. E queste tariffe, per giunta, sono pure molto alte.

Il risultato di questa anacronistica situazione è che fino ad oggi qualunque motocicletta paga quanto uno sport utility ben più grande per dimensioni e potenza. Anche grazie alla nostra perseveranza fra qualche giorno questo senario cambierà, la creazione di una tariffa dedicata alle due ruote, inferiore del 30% rispetto a quella delle auto, favorirà notevolmente la circolazione dei motocicli sulla rete autostradale delle Penisola con vantaggi evidenti in diversi settori, dalla sicurezza alla ripresa economica.

Non dobbiamo infatti dimenticare che la nostra industria nazionale del settore è la più importante d’Europa e da questa novità potrà avere vantaggi. Ancora più rilevante i risvolti per l’incolumità dei motociclisti: le autostrade sono di gran lunga i percorsi più sicuri per questa categoria di utenti». Giovanni Copioli , il presidente della Fim (Federazione Motociclistica Italiana), ha aggiunto: «Una grande soddisfazione, queste è veramente una vittoria straordinaria per l’intero settore motociclistico».
Ultimo aggiornamento: 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA