La Roma torna al successo Genoa battuto per 3-2

Di Francesco è ancora in bilico, ma intanto la Roma riparte in campionato, ritrovando il successo dopo 36 giorni: 3-2 contro il Genoa all'Olimpico. Vittoria stentata e non limpida: l'arbitro Di bello, a fine recupero, nega il rigore del pari a Pandev, spinto in Area da Florenzi. La macchia c'è e sporca ulteriormente la prestazione che non piace al pubblico e sicuramente nemmeno a Pallotta. Che oggi riceve Monchi a Boston per capire che cosa sta accadendo a Trigoria. I giallorossi sono in crisi di identità da tempo. E ormai hanno paura anche delle loro ombre. Vulnerabili, spaventati e fiacchi.
 

CONTESTAZIONE DELLA SUD
La Curva in silenzio per i primi 10 minuti. Ma fischia l'allenatore e i giocatori, salvando solo De Rossi e Zaniolo. I tifosi ce l'hanno soprattutto con il presidente, insultato a lungo. La Roma, a vederla in campo contro il Genoa, non riesce proprio a farsi perdonare. Raffica di gaffe: Olsen non trattiene il tiro di Hiljemark e Piatek si conferma capocannoniere, 12 reti, siglando il vantaggio. Pareggia Fazio il più pericoloso nell'area avversaria, anche perché Di Francesco parte con il 3-4-3 che non prevede il centravanti. Il falso nove Zaniolo si fa anticipare di testa da Sandro e Hiljemark fa gol a porta vuota. I giallorossi sbandano, ma in contropiede arrivano al 2-2: tacco di Under per Kluivert che finalmente fa centro in campionato.

INSICURA ALLA META
La palla per il sorpasso capita a Under: sinistro a porta vuota, sparato però in Sud. Va avanti ancora il Genoa con Lazovic: l'arbitro Di Bello è aiutato dal collega Chiffi che annulla, riviste le immagini, la rete. Fuorigioco di rientro di Piatek. Kluivert, sponda di testa, regala il pallone del sorpasso a Cristante. La rimonta è completata. Il centrocampista colpisce anche il palo. La Roma si difende senza organizzazione: il 5-3-2 non basta. Entrano anche Santon per Under e Schick per Kluivert. C'è solo Schick davanti. Prandelli  passa dal 3-5-2 al 3-4-2-1, inserendo Pandev. Che sbaglia il gol del pari prima del recupero e, al fotofinish, cade sul più bello. Non da solo. Lo spinge Florenzi.          

LEGGI LA CRONACA

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Bankitalia: possibile recessione tecnica, crescita pil +0,6% nel 2019
Reddito, per i genitori di figli piccoli non c'è obbligo di accettare il lavoro
Maturità, prova mista al Classico e allo Scientifico
Rubati 773 milioni di account mail «Il più grande cyberfurto della storia»
Spese pazze, 52 condanne. Anche capogruppo Lega al Senato, Bossi jr e Nicole Minetti