Batterie delle sigarette elettroniche per ricaricare i droni kamikaze, l'ultima idea di Kiev per abbattere i costi

In tutto il paese gli ucraini hanno lanciato iniziative rivoluzionarie e originali per sostenere il loro esercito e, soprattutto, per realizzare armi non convenzionali e a basso prezzo

Batterie delle sigarette elettroniche per ricaricare i droni kamikaze, l'ultima idea di Kiev per abbattere i costi
Anche le sigarette elettroniche diventano armi da utilizzare per contrastare l'avanzata russa in Ucraina. O Meglio: le vere armi sono le batterie dei dispositivi, che...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 79,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

Anche le sigarette elettroniche diventano armi da utilizzare per contrastare l'avanzata russa in Ucraina. O Meglio: le vere armi sono le batterie dei dispositivi, che stanno diventando preziosissime per ricaricare i droni carichi di esplosivo che vengono inviati oltre il confine russo e sono in grado di eludere i sistemi di difesa. In tutto il paese gli ucraini hanno lanciato iniziative rivoluzionarie e originali per sostenere il loro esercito e, soprattutto, per realizzare armi non convenzionali e a basso prezzo.

 

Russi usano vecchi missili antinave per attacchi a terra

Ucraina, droni kamikaze per combattere i russi: così Kiev passa al contrattacco

Armi a basso prezzo

A lanciare l'idea di utilizzare le sigarette elettroniche è Maksym Sheremet, ingegnere a capo della "Drone Lab". Il suo team di volontari ha allestito fuori dai campus e dai dormitori del Politecnico di Kiev, dove Sheremet studia e insegna, dei punti di raccolta di sigarette elettroniche usa e getta. L'obiettivo è recuperarne le batterie ai polimeri di litio, poi utilizzate per alimentare i sistemi di trasporto e di rilascio collegati ai droni in modo che possano portare e far cadere qualsiasi cosa, dalle forniture mediche alle granate. I sistemi sono costruiti utilizzando stampanti 3D. «Abbiamo iniziato a raccogliere sigarette elettroniche dopo che il prezzo delle batterie al litio è aumentato», ha detto il 26enne a The Independent, parlando dal suo laboratorio - che si trova in un luogo nascosto di Kiev - disseminato di droni in costruzione e stampanti 3D.

 

Il riciclo

Dall'inizio della guerra gli articoli importati sono diventati sempre più difficili da reperire e costosi. «Le batterie al litio costavano un dollaro l'una, ma il prezzo è aumentato di cinque volte - ha aggiunto Sheremet - Così abbiamo iniziato ad alimentare i sistemi di rilascio dei droni con le batterie delle sigarette elettroniche usa e getta. È un progetto gratuito, facile da realizzare e rispettoso dell'ambiente, perché stiamo riciclando». Nel laboratorio lavora un team di circa 60 volontari e 30 di loro si occupano del progetto collegato alle sigarette elettroniche. In quattro mesi hanno costruito 4.000 sistemi di lancio, che costano meno di 30 dollari e sono stati inviati al fronte. Stanno anche costruendo nuovi droni utilizzando le stampanti 3D e riciclando quelli usurati. Tre settimane fa hanno iniziato a lavorare con le batterie delle sigarette elettroniche. «Negli ultimi 20 giorni, abbiamo realizzato 100 sistemi di lancio di droni utilizzando batterie di sigarette elettroniche e ne abbiamo altri 100 in produzione - ha aggiunto l'ingegnere - Abbiamo 2.000 ordini in cantiere».


L'esercito ucraino ha ripetutamente chiesto altre armi alle potenze occidentali, mentre la Russia prosegue con una feroce offensiva nell'est del paese. A giugno, i funzionari dell'intelligence militare ucraina hanno affermato che Mosca ha fino a 15 volte più artiglieria dell'Ucraina. I droni "kamikaze" sono quindi diventati cruciali nella battaglia. Alcuni dispositivi vengono utilizzati per trasportare forniture mediche ai soldati in difficoltà. All'inizio della guerra, il ministero della Difesa ucraino aveva esortato i proprietari di droni a consegnare i macchinari ai militari. Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
«Me te compro? Vi ammazzo». Bufera su Ruberti Il capo gabinetto di Gualtieri lascia
La ricostruzione dei testimoni: «Ruberti? Non si parlava di calcio, ma di elezioni regionali»
Mosca blocca Nord Stream: il prezzo del gas vola
Il dossier Copasir Blog, talk show e social: così i russi influenzano la campagna elettorale
Liste Lega Matone nel Lazio, Giorgetti in Lombardia. Salvini: Russia? Non vado da anni, non ho contatti