Siria, patto Putin-Erdogan: pattuglie congiunte fino a 10 km oltre confine turco

GUARDA IL VIDEO

Turchia e Russia condurranno pattugliamenti congiunti fino a 10 km entro il territorio siriano oltre il confine turco, a est e ovest dell'area in cui è stata condotta l'operazione turca nel nord della Siria. È esclusa Qamishli, principale centro curdo nell'area. Lo indica il memorandum d'intesa siglato a Sochi dai presidenti dei due Paesi, Recep Tayyip Erdogan e Vladimir Putin.

Siria, i miliziani curdi: «Ci siamo ritirati dalla zona di sicurezza». Nuova tregua di 150 ore
Da Fides un endorsemente all'operazione militare turca contro i curdi
Turchia, il ministro degli Esteri Cavusoglu: «L’Italia eviti strappi: ci aiuti con i terroristi»
 

«È importante che delle azioni delle forze armate turche non si approfittino i membri di organizzazioni terroristiche, compresa l'Isis, i cui guerriglieri vengono tenuti prigionieri presso le formazioni armate curde e cercano di liberarsi». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin dopo l'incontro a Sochi con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan. E ancora:  I «terroristi non devono trarre vantaggio» dall'operazione turca nel nord della Siria. «Il Paese deve essere liberato dalla presenza illegale straniera».
 

«Come Turchia  - ha aggiunto Erdogan - continueremo a lavorare duramente per rispondere alle preoccupazioni dei nostri amici russi sulla situazione nel nord della Siria, La nostra operazione Fonte di pace è condotta per eliminare i terroristi dalla regione, non vogliamo il territorio di nessun altro Paese».

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Acqua alta, Venezia vicina al baratro
Spada, Cassazione conferma i sei anni per la testata a Piervincenzi. C'è aggravante mafiosa
Ilva, Conte: «Il governo non rischia» Il Cdm slitta alla settimana prossima
Mara Carfagna, Berlusconi: «Poteva candidarsi in Campania ma non volle»
Crescita, Roma svuotata dal monopolio di Milano