Google avverte: «Se tenete a una foto, stampatela». Ecco il buco nero digitale

Sabato 14 Febbraio 2015 di Laura Bogliolo
Prendete in mano un polveroso floppy disk riposto in qualche cassetto (io ce l'ho): le informazioni esistono all'interno di quel supporto che potrebbe apparire un pezzo di museo per i nativi digitali. Dati che però sono illeggibili con i moderni supporti. Andate un po' oltre. E pensate a quanti oggetti digitali si potrebbero perdere nelle viscere dell'evoluzione tecnologica del prossimo secolo. È una preoccupazione che sta molto a cuore a Vint Cerf, numero due di Google, ma anche uno dei papà di internet. E c'è quasi da rabbrividire leggendo le dichiarazioni rilasciate all'incontro annuale dell' American Association for the Advancement of Science.



«Se non si trova una soluzione, il Ventunesimo secolo sarà un enorme buco nero» ha detto Cerf che parla di «Digital Dark Age». Il consiglio di Cerf è quasi inquietante (o semplicemente saggio): “Se avete una foto alla quale tenete davvero, stampatela” riporta Telegraph.co.uk.



L'entusiasmo digitale spinge sempre di più a rendere "virtuale" ogni aspetto della nostra vita. Ricordi, le foto più care esistono come bit (sul nostro hard disk o in cloud), ma rischiano di essere persi con la continua accelerazione della rivoluzione digitale. Esisteranno sempre i bit, ma, ipotizza Cerf, potrebbero non essere interpretabili con software e hardware che diventano obsoleti. Il numero due di Google parla di “bit putrefatti”. Cerf ha parlato del metodo denominato “digital vellum”. In pratica si salva un oggetto digitale, ma anche ogni elemento utile per riprodurlo.

twitter: @l4ur4bogliolo

Ultimo aggiornamento: 2 Marzo, 14:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Mi dai il tuo Name tag?”: ecco il rimorchione social

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma