Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Chingotto e Tello, la strana coppia in semifinale del Major Premier Padel

Chingotto e Tello, la strana coppia in semifinale del Major Premier Padel
di Giacomo Rossetti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Maggio 2022, 19:36

La normalità al potere. Federico Chingotto e Juan Tello spiccano nel mondo del padel per essere... più simili alla gente comune che ai cyborg programmati per vincere e dai fisici scolpiti, come Juan Lebron e Alejandro Galan. Eppure, la coppia argentina con la racchetta ci sa fare eccome, tanto che oggi ha battuto Francisco Gil e Agustin Gomez 6-3 6-4, conquistando l'accesso alla semifinale del Major Premier Padel romano. Nel calore della Gran Stand del Foro Italico, sotto un sole reso opaco dalle nuvole, viene fuori una bella partita: Gil e Gomez hanno un vasto repertorio di soluzioni offensive, ma il duo sudamericano rintuzza i loro attacchi dividendosi alla perfezione il lavoro: le palle alte sono 'roba' di Tello, saggio nello scegliere la soluzione di potenza o il bluff, mentre qualunque altra pallina capiti dalle loro parti è immediatamente intercettata da Chingotto, che di riffa o di raffa trova il modo di mettere il compagno nella posizione migliore per far punto. E coì accade: il primo set si chiude in 33 minuti sul 6-3, mentre nella seconda frazione i rivali spagnoli riescono a conquistare un game in più, salvo poi capitolare al punto decisivo di Tello.

Il gatto e il topo, amici da anni

Sono chiamati il Gatto e il Topo, anzi, El gato y el ratòn, e sul campo non potrebbero essere più diversi: Tello (27 anni) è alto un metro e ottantacinque, il 27enne Chingotto appena un metro e settanta. Assieme si combinano alla perfezione: il primo ha una potenza di smash paurosa, quando colpisce la palla e viene fuori un certo suono armonioso, si può essere sicuri del punto. Il secondo è uno dei migliori difensori (se non il migliore) per la sua rapidità animale. Non c'è dritto troppo veloce o rimbalzo troppo angolato, Federico ci si avventerà sopra e molto probabilmente riuscirà a rispedire la pallina dall'altra parte della rete. I due giocano insieme dal 2014, il loro è uno dei sodalizi più lunghi della scena attuale e promette di esserlo ancora per anni, essendo molto amici; il loro primo titolo in carriera è stato Las Rozas Open a fine 2020, vinto... senza giocare, visto il forfait di Pablo Lima in finale. A questo punto della carriera, ormai stabilmente tra le prime quattro coppie al mondo, Tello e Chingotto vogliono fare un passo in più e conquistare il Foro Italico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA