Formula 1, Vettel realista: «La Ferrari non è al livello voluto»

Giovedì 1 Agosto 2019
La voglia di rifarsi della Mercedes, quella di fare ancora meglio della Ferrari e l'atteggiamento un pò snob verso la Rossa di Verstappen in chiave mercato. Alla vigilia dell'ultimo Gp della Formula 1 prima della pausa estiva i big del Circus non si fanno illusioni sullo stato di salute delle Stelle d'Argento frenate ad Hockenheim solo dal maltempo e dalla pista molto scivolosa. Il primo a restare con i piedi per terra nonostante l'exploit a pochi chilometri da casa sua è Sebastian Vettel che spera di vedere altri miglioramenti da parte della sua Ferrari: «Sono piuttosto realista, per noi è stato grandioso il podio in Germania perché non avevamo nulla da perdere, ma certo non siamo al livello che vorremmo». La prima parte della stagione ha visto una Ferrari in difficoltà di fronte a una Mercedes ed un Lewis Hamilton che non ha sbagliato un colpo e ora guarda tutti dall'alto dei suoi 225 punti (Vettel è quarto a 141 punti).

«Se parti dall'ultimo posto e arrivi sul podio devi essere contento perchè è molto lunga. Però siamo arrivati al traguardo con una sola vettura e non è certo quello che coi aspettavamo». L'altra Ferrari quella di Leclerc, fermato in Germania dalla stessa curva che ha tradito le Mercedes, punta a sfatare il tabù della prima vittoria per il monegasco. «Non sento una particolare pressione sul fatto che devo ancora vincere una gara. A motori spenti ovviamente mi guardo indietro a penso che avrei potuto raccogliere di più, ma - aggiunge Leclerc - quando sono in macchina non ci penso. Sicuramente in Germania ho commesso un errore grave, ma la situazione era critica e farò tesoro di quanto avvenuto». Gli uomini Mercedes vogliono reagire subito: «Quando un team come il nostro si ritrova ad analizzare un fine settimana difficile - spiega il team principal Toto Wolff - deve sempre sfruttare l'occasione come stimolo per migliorare. Tutti noi avremmo potuto fare meglio, abbiamo avuto delle riunioni in videoconferenza martedì in cui abbiamo analizzato cosa è andato storto e faremo tesoro degli errori commessi».

Reduce da due successi conquistati nelle ultime tre gare, Max Verstappen è il pilota del momento in Formula 1. L'olandese della Red Bull è riuscito a ridurre il distacco in campionato dalle due Mercedes ed ora si trova a 63 punti di distanza da Hamilton e a 22 da Valtteri Bottas.
«Ho ancora un anno di tempo per quello, ma dovrebbe accadere l'anno prossimo, perché quest'anno la Mercedes è troppo dominante». Circondato da voci che lo vorrebbero o in Mercedes o in Ferrari nel prossimo futuro, il 21enne talento Red Bull non ha espresso particolari preferenze per un team o per l'altro: «Voglio dire una cosa a riguardo anche quando ero giovane non ho mai pensato che avrei guidato per la Ferrari. Ho sempre voluto essere sulla macchina più veloce, che fosse Ferrari, Mercedes o Red Bull. Penso però che potrò esserlo il prossimo anno, con la Red Bull». Grandi sorrisi a Budapest anche per il pilota della Toro Rosso Daniil Kvyat diventato papà da una settimana e salito sul podio a Hockenheim: «Sono migliorato come pilota, non è stato facile perdere il mio posto in F1, quando ho ricevuto la chiamata per ritornare ho fatto un grande lavoro a livello mentale. Sono felice per il team e le persone che mi stanno vicino. Ora mi sento migliore e lo sto dimostrando con risultati» © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il figlio non sta mai fermo la soluzione è tre sport in uno

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma