La scomparsa di André Laban, il cineasta subacqueo che lavorò con Costeau

Sabato 13 Ottobre 2018
Il cineasta André Laban è morto all'età di 90 anni
Il cineasta e subacqueo francese André Laban, per un ventennio assistente del mitico comandante Jacques-Yves Cousteau nelle missioni oceografiche, è morto all’età di 90 anni a Saint-Antonin-Noble-Val, nella regione dell’Occitania, nella Francia del sud-ovest.

Ingegnere chimico, Laban si imbarcò nel 1952 a bordo della Calypso con cui Cousteau esplorò le acque più interessanti del pianeta. Durante questi viaggi Costeau produsse molti libri e film, rendendo popolare la biologia sottomarina. Iniziò allora una lunga collaborazione con Cousteau, durata fino al 1973, di cui divenne comandante in seconda sulla nave Calypso, direttore della fotografia di molti documentari e protagonista come subaqueo di tante esplorazione sottomarine e al tempo stesso di originali esibizioni, come quella di esercitare la sua passione di pittore in fondo al mare.

Talento ingegnoso, Laban realizzò la prima camera 35 mm all’interno di uno scafandro, resistente alla pressione sottomarina e in grado di illuminare il fondo marino. Fu con questa camera che fu girato “Il mondo del silenzio”, il celebre film documentario del 1956 diretto da Jacques-Yves Cousteau con la sceneggiatura di Louis Malle, vincitore della Palma d’oro come miglior film al Festival di Cannes e dell’Oscar come miglior documentario nel 1957. Direttore dell’Ufficio francese delle ricerche sottomarine dal 1956 al 1966, André Laban collaborò con Cousteau per la realizzazione di altri due film come direttore della fotografia. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti