Gran Bretagna, contagi record. Andreoni: «Se parte la variante Uk, rischia anche l'Italia»

Parla il primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma

Gran Bretagna, contagi record. Andreoni: «Se parte la variante Uk, rischia anche l'Italia»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Ottobre 2021, 13:12

Massimo Andreoni, come Antonella Viola, raffronta l'Italia alla Gran Bretagna. «L'Italia ha avuto un atteggiamento rigoroso rispetto alla pandemia mentre il Regno Unito ha fatto, e sta facendo, esattamente il contrario, facendo circolare il virus e oggi si vedono le conseguenze. Hanno tolto ogni tipo di misura di sicurezza, hanno iniziato tardi a fare la seconda dose. Noi invece abbiamo proceduto più guardinghi e con attenzione. Ora, guardando il picco di casi registrato nel Regno Unito, un pensiero di preoccupazione c'è. È il segnale che se si molla il virus è pronto a ripartire e, se arriva una variante brutta, anche noi siamo a rischio. Quindi le misure di contenimento, dall'uso della mascherina al chiuso al distanziamento, servono ancora. Ma visti i numeri del Regno Unito, forse servirebbe che l'Europa si facesse sentire, magari anche rimettendo la quarantena di una settimana per chi arriva in Italia» da oltremanica. Lo sottolinea all'Adnkronos  il primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit).

Contagi boom in Gran Bretagna, Antonella Viola: «Ricoveri in aumento tra giovani, livelli top negli under 14 non vaccinati»

Variante Delta in Israele, terza dose non basta: nuove restrizioni, Green pass dai 3 anni di età in su

«L'impegno a ridurre la circolazione del coronavirus deve essere globale - rimarca Andreoni - L'Italia sta facendo bene e i risultati si vedono, il Paese è ripartito e l'impatto sulla curva epidemica si è visto poco. Ma occorre che tutti i Paesi si muovano nel vaccinare la loro popolazione con doppia dose e che si faccia anche di più per immunizzare i paesi più poveri. Il discorso - conclude l'infettivologo - è sempre quello: se il virus circola liberamente, c'è il rischio che emerga una variante più aggressiva. Non possiamo permettercelo e va fatto di tutto per evitarlo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA