Regionali Lazio, Potere al Popolo, Elisabetta Canitano: «Non siamo la forza del “no”, con noi la sinistra coerente»

Martedì 20 Febbraio 2018 di Simone Canettieri

Elisabetta Canitano, candidata presidente di Potere al Popolo, siete ancora quelli del «no» a tutto?
«C'è questo problema, è vero, c'è chi ci vede come forza del «no», ma non è così. Noi siamo per il sì, invece, al trasporto sul ferro, alla patrimoniale, alla sanità pubblica. Nessuno si salva da solo».
 

 
Potere al Popolo cos'è?
«Una forza di sinistra, che accoglie i movimenti, i sindacati di base, le lotte per l'ambiente, che sta dalla parte degli ultimi. E che, al contrario di Sinistra Italiana, è coerente: mai con il Pd, mai con Zingaretti».

Lei è una ginecologa, e parla sempre di sanità.
«In questi 5 anni è stato accreditato di tutto al privato e sono state soffocate le strutture pubbliche. Vogliamo invertire questo trend».

La sua priorità sui trasporti?
«Cura del ferro e «no» alla Roma-Latina, bisogna intervenire sulla Pontina. La sinistra di Grasso è stata aggirata da Zingaretti, che è a favore dell'opera».

Rifiuti, il termovalorizzatore è la soluzione?
«Finora sulla differenziata e sul riciclo non è stato investito nulla».

Sulla casa e le occupazioni abusive condividete le battaglie con CasaPound, strano no?
«Dobbiamo sottrarre la vita dei cittadini del Lazio alla mercificazione: chi vuole fare opposizione al Pd deve votarci».
 

Ultimo aggiornamento: 10:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L'approfondimento di oggi