Mont Saint Michel, via al restauro dell'isola delle maree: impalcature alte come l'Arco di Trionfo (ma resterà aperta ai turisti)

Mont Saint Michel, via al restauro dell'isola delle maree: impalcature alte come l'Arco di Trionfo (ma resterà aperta ai turisti)
3 Minuti di Lettura
Martedì 3 Novembre 2020, 13:08 - Ultimo aggiornamento: 13:12

Un restauro di due anni e mezzo per riportare Mont Saint Michel all'antico splendore e contrastare gli effetti del tempo e degli agenti atmosferici. I lavori sull'isola francese, emblema nel mondo del fenomeno delle maree, sono cominciati ieri, lunedì due novembre, e, stando al progetto, dovrebbero essere imponenti. Si concentreranno soprattutto sulla facciata, circa ottomila metri quadrati, e sui tetti di quella che per appassionati e non solo è una delle meraviglie più seducenti dell'arte gotica e, più in generale, una delle attrazioni più gettonate di Francia.

L'obiettivo degli interventi è affrontare in modo efficace: «l'eccessivo deterioramento degli edifici, che ha provocato infiltrazioni d'acqua e alterazioni della pietra», come afferma il Centro dei monumenti nazionali (Cmn). Tra i problemi principali, ci sono sicuramente uno strato molto spesso di licheni e mischi sulle pareti e l'erosione delle lastre d'ardesia che ricoprono i tetti degli edifici. «Si tratta di strutture costruite oltre 150 anni fa - proseguono - e devono essere cambiate».

Covid, Francia in lockdown per un mese a partire da giovedì. «Ma sarà più flessibile del primo»

Lungo la facciata è prevista l'installazione di un ascensore per facilitare l'accesso alla parte superiore del cantiere, dove saranno impiegati circa 30 operai. In totale i lavori dovrebbero costare circa sette milioni di euro, mentre saranno montate impalcature della stessa altezza dell'Arco di Trionfo di Parigi.

Covid, la seconda ondata «è peggiore». Allarme degli ospedali di Parigi. Altri 20.000 casi a Londra

L'abbazia dell'isola aveva riaperto ai turisti lo scorso 15 giugno, dopo un periodo di chiusura legato al diffondersi della pandemia da Covid, adesso dovrebbe restare visitabile durante gli interventi: «I lavori saranno eseguiti da Degaine, una società specializzata nel restauro di edifici classificati o registrati nell'inventario dei monumenti storici», ha precisato la Cmn. Nel 2019, i visitatori erano stati quasi un milione e mezzo e diversi restauri, ma più specifici si sono realizzati negli anni, dalla statua dell'Arcangelo Saint Michel del 2016 a quella del chiostro appena dodici mesi più tardi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA