Brugiatelli, due telefonate al 112: «Io, derubato della borsa». Non si parla di droga

Domenica 28 Luglio 2019
1

La sera del 25 luglio Sergio Brugiatelli chiama dal cellulare di un clochard suo amico, la centrale dei carabinieri chiedendo un intervento per il furto subito dello zaino. Al telefono, all'operatore che risponde, riferisce solo del cellulare, dei soldi e dei documenti di identità, contenuti nella borsa. Dice di avere già il suo numero  e che gli autori del furto hanno chiesto un  "riscatto"  per restituirgli i suoi effetti personali. Non fa alcun riferimento, però, al fatto di avere conosciuto prima quelle persone né al fatto che dietro il furto ci fosse uno scontro per questioni di spaccio. Parte così l'intervento dei due carabinieri che si concluderà, in via Cossa, con l'omicidio di Rega.
Valentina Errante

Brugiatelli, seconda telefonata al 112: «Vogliono 80 euro per la borsa». La centrale: «Mandiamo la pattuglia»
 

Ultimo aggiornamento: 17:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma